Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PORTOFERRAIO20°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 20 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi agli studenti: «Devo tanto a mia moglie, senza di lei chissà quante fesserie avrei fatto»

Attualità lunedì 10 agosto 2015 ore 10:35

CES: "Dei 15 milioni nulla è arrivato all'Elba"

Il Comitato Elba Salute interviene dopo la dichiarazione del commissario De Lauretis di aver investito 15 milioni di euro nell'Usl 6



PORTOFERRAIO — "Dal personale impiegato nell’assistenza alla persona, l’Elba si è vista assegnare qualche operatore sanitario, alcuni dei quali subito richiamati a Piombino.

Per il rinnovo delle apparecchiature con tecnologia avanzata gli elbani, oramai rassegnati a mendicare anche sulla salute, sperano sempre in qualche donazione o dismissione per avere un apparecchio endoscopico o diagnostico ancora utilizzabile. Chi come noi di Elba Salute che si batte per essere curati sul nostro territorio, freme nella speranza che si smobilizzi nell’Azienda, una TAC perché la nostra ultimamente ha subito qualche blocco causato forse dal caldo torrido o da altre ragioni che hanno permesso di portare numeri e DRG ad altri presidi ospedalieri della costa.

Commissario, qualche volta venga anche all’Elba le facciamo vedere di quale potenziamento necessita il nostro pronto soccorso strutturalmente insufficiente inadeguato per una grande località turistica. Molte volte non bastano le fatiche e la grande professionalità del personale medico e paramedico per contenere il continuo flusso di persone che chiede di essere visitato. Per darle l’idea di cosa si sta parlando possiamo dirle che di sera a ospedale chiuso chi è in attesa nella sala del pronto soccorso e avesse bisogno di andare in bagno o di dare di stomaco lo va a fare nel piazzale antistante l’ospedale.

Commissario De Lauretis, dei 15 milioni investiti nella nostra ASL6 non è che sono avanzati 30mila euro circa per rinnovare la reperibilità annuale con il personale dell’aeroporto di La Pila (Alatoscana di cui la maggior azionista è la Regione) che in alcuni casi può determinare la salvezza del paziente da trasferire e quindi a salvargli la vita? In caso d’inagibilità serale/notturna della piattaforma elisoccorso posta sul tetto dell’ospedale e si dovesse trasferire urgentemente un paziente non sarebbe possibile perché lo scalo di La Pila chiude alle 19 per riaprire la mattina dopo e senza la disposizione di reperibilità il personale non può intervenire in orari diversi.

Quest’assurdo mancato rinnovo della reperibilità, interrompe la continuità assistenziale che deve essere garantita, così come deve essere garantita la possibilità di vivere, a un qualsiasi cittadino Toscano che abiti in città, o su un’Isola".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nella notte a Capoliveri. Un uomo e una donna sono stati trasferiti con l'elisoccorso fuori Elba
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Attualità

Attualità