Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:22 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Cultura venerdì 12 dicembre 2014 ore 10:49

"Centro Giovani aperto ai più piccoli"

E' la richiesta avanzata dall'associazione LiberArti che nel Centro Giovani ha condotto numerose attività di laboratorio per bambini e genitori



PORTOFERRAIO — Il Centro Giovani deve ancora essere inaugurato e già si trova al centro di una polemica, prima politica, e poi strutturale: a parlare adesso è l'associazione LiberArti che nella struttura ha condotto corsi e laboratori e che chiede, sostanzialmente, di abbassare la fascia d'ingresso per i più piccoli.

"Riguardo alla fascia d'età (11-35) che viene introdotta come “limite di fruibilità” con il Regolamento Comunale: è vero che, come sostiene l'assessore Berti, in realtà territoriali diverse dalla nostra, dove ci sono ludoteche per i più piccoli, un numero adeguato di asili nido e altri servizi, con la denominazione 'Centro Giovani' si intende uno spazio dedicato ad un'utenza giovanile che comprende ragazzi dagli 11 anni in poi. 

In questo territorio, purtroppo, così non è. Lo spazio, di proprietà pubblica in questione, risulta l'unico adeguato del Comune di Portoferraio per attività extrascolastiche, quali doposcuola, ludoteca e attività laboratoriali di vario genere, l'unico che soddisfa le normative sulle barriere architettoniche, l'unico adeguatamente riscaldato e salubre. 

In attesa che il Comune disponga di altre strutture che soddisfino l'esigenza di spazio dei cittadini più piccoli, il Centro Giovani potrebbe essere considerato, con evidenza realistica, un centro polivalente e un servizio essenziale dovuto alla cittadinanza contribuente. 

Sull'utilizzo dello spazio la Sig.ra Berti sostiene, inoltre, che il luogo fosse ufficialmente inutilizzato ma “ufficiosamente” frequentato da associazioni che svolgevano “attività per bambini”. 

Vediamo quali siano, nella realtà dei fatti, documentabili e già potute riscontrare dalla stessa Sig.ra Berti, le attività svolte in quel luogo: lo scorso anno al Centro Giovani si sono svolti laboratori di arte, riciclo, teatro, letture, musica e psicomotricità e anche laboratori di fotografia in regime di volontariato supportate dall'Associazione di Promozione Sociale Opificio LiberArti in autogestione con ragazzi delle scuole superiori. 

Le attività sono state finanziate da fondi regionali (PEZ) in seguito ad un lavoro di ricerca di base dei bisogni dal basso. Un lavoro durato molti mesi che ha visto impegnati insegnanti, professionisti e professioniste dell'educazione, della psicoterapia, del sostegno insieme ai genitori. 

Un buonissimo lavoro, premiato infatti dalla Regione Toscana che ha riconfermato anche per questo anno, i fondi per la formazione e per attività laboratoriali riguardanti soprattutto l'integrazione e l'inclusione dei soggetti svantaggiati. L'Associazione LiberArti ha offerto le proposte laboratoriali diversificate in quel luogo che hanno avuto un grande riscontro cittadino. 

La consistente partecipazione al progetto “Oplà” ha confermato, ad esempio, la necessità di spazi di condivisione, soprattutto nel periodo invernale, per famiglie e bambini. Lo spazio gioco aperto ai bambini da 0 a 5 anni accompagnati dai genitori ha visto una numerosa affluenza per tutta la durata del progetto con picchi di oltre quaranta presenze. 

Il Laboratorio di pittura e riuso creativo “Ricrearte” ed il Laboratorio di teatro “Piccoli Clowns in libertà” sono stati per i bambini una grande esperienza formativa e socializzante, prima che artistica. E' stato un momento di apprendimento attivo. Attraverso gli esercizi teatrali, giochi, brainstorming, e improvvisazione a tema si è data ai bimbi la preziosa possibilità di esprimersi, di aprirsi, di conoscersi, di sperimentare nuove forme di apprendimento che passano sul corpo, il respiro e il lavoro di gruppo. 

Quest'anno è stato riapprovato e finanziato con gli stessi fondi regionali PEZ, un altro ciclo di attività che con l'introduzione di una nuova professionalità esperta di Globalità dei Linguaggi (metodo Stefania Guerra Lisi) vede coinvolti anche bambini e ragazzi svantaggiati e portatori di handicap.

Si chiede pertanto di rivedere, in tempi brevi, il regolamento del Centro Giovani sia per quanto riguarda la fascia d'età, sia per la gratuità dello spazio in circostanze come queste che non richiedono aggravi di spese pubbliche ma solo la possibilità di usufruire di fondi già stanziati e in continuità con il lavoro svolto in precedenza. 

L'Opificio LiberArti si vede costretto ad iniziare il lavoro in ritardo, per mancanza di chiarezza e lungaggini protratte fino ad oggi, e a pagamento, affidandosi al buon cuore di qualche privato, di fatto togliendo risorse allo stesso progetto regionale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Negli ultimi 7 giorni 6 persone sono guarite dal Coronavirus. Ecco i dati del bollettino settimanale diffuso dall'Asl Toscana nord ovest
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità