Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:PORTOFERRAIO22°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Corea del Nord: ritorno al 1950? Putin consacra la “monarchia rossa”

Attualità lunedì 29 giugno 2015 ore 18:02

Stefano aspetta ancora un donatore di midollo

Stefano con la sorella che ha lanciato l'appello (foto da Facebook)

Gara di solidarietà per il 38enne affetto da leucemia



PIOMBINO — "Cerchiamo urgentemente un donatore di midollo compatibile con Stefano.
A causa di una grave forma di leucemia Stefano Scandurra, piombinese 38enne, ha urgente bisogno di un trapianto di midollo osseo e di trasfusioni di sangue". Così si legge nel gruppo Facebook #iostoconstefano nato a sostegno del piombinese affetto da leucemia per il quale da settimane è in atto una vera e propria gara di solidarietà dopo l'appello lanciato dalla sorella alcuni giorni fa.
Condividiamo anche noi, come ci è stato richiesto, ben volentieri l'appello degli amici e dei familiari di Stefano. 

I requisiti per la donazione sono: età compresa tra i 18 e i 35 anni (il limite massimo di età per la donazione varia secondo la Regione) e un peso superiore ai 50 chili; chi ha fatto tatuaggi o piercing o interventi deve attendere 4 mesi; dopo il parto invece l'attesa è di un anno.
Per diventare donatori di midollo osseo è opportuno prenotarsi presso una sede ADMO e successivamente presentarsi, senza impegnativa medica, presso un Centro trasfusionale che aderisce al progetto (normalmente dove si dona volontariamente il sangue), per sottoporsi al prelievo di un campione di sangue come per una normale analisi e firmare l’adesione al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo. I risultati delle analisi verranno poi inseriti in un archivio elettronico gestito a livello regionale e a livello nazionale. 
In seguito al riscontro di una prima compatibilità con un paziente, il donatore sarà chiamato a sottoporsi ad ulteriori prelievi, sempre di sangue, per definire ancora meglio il livello di compatibilità e solo se si è compatibili al 100% con qualcuno che ha bisogno di un trapianto allora si passerà alla donazione vera e propria.

Sul web e non solo, si moltiplicano da giorni gli appelli e le iniziative da parte di familiari e amici, per trovare un donatore compatibile, l'unica strada che potrebbe permettere di salvare la vita a Stefano. E in tanti hanno già risposto positivamente.
Diventare donatori di midollo può aiutare Stefano, ma anche tanti altri malati che aspettano una speranza di vita.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I cittadini presenti nella zona sono subito intervenuti per paura che l'incendio di estendesse. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri forestali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Politica