Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Attualità giovedì 20 luglio 2017 ore 02:25

Raccolta differenziata, qualcosa non va

I cassonetti della differenziata al bivio di Lacona

Sono spariti gli antiestetici cassonetti urbani ma in compenso ci sono quotidiane situazioni come quelle delle immagini allegate



CAPOLIVERI — Che all'Elba servisse una accelerazione nella raccolta differenziata dei rifiuti, non era in discussione. Oltretutto i primi risultati delle nuove politiche di raccolta, con l'introduzione del "porta a porta",  si sono visti subito, specie a Capoliveri: aumento verticale della percentuale di differenziazione, miglioramento altrettanto verticale del decoro urbano, con l'eliminazione di quegli arredi da terzo mondo di cui erano pieni i paesi elbani, ovvero gli antiestetici e maleodoranti cassonetti, verdi o blu che fossero.

Eppure qualcosa non ha funzionato. Ne sanno qualcosa a Porto Azzurro, che qualche settimana fa è stata costretta a togliere i cassonetti da Mola e dal bivio del Buraccio, sommersi quotidianamente da rifiuti provenienti da utenti capoliveresi del servizio  ai quali la differenziata non andava giù, e che preferivano scendere "a valle" per depositare i loro sacchi nei cassonetti longonesi dell'indifferenziata.

Eliminato il problema con la rimozione di quei cassonetti, se ne è creato un altro. Nelle foto allegate la situazione - quotidiana -  è quella del bivio di Lacona, con i contenitori della differenziata usati indiscriminatamente, con il risultato di uno spettacolo indecoroso offerto alle centinaia di auto di turisti quotidianamente in transito.

Evidentemente non basta lo sforzo di Esa, che ha disposto svuotamenti anche pomeridiani dei contenitori. E' necessario qualche altro provvedimento, magari repressivo, perchè l'isola non può permettersi situazioni di decoro simili, men che meno in piena stagione turistica.


© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il noto calciatore, già bomber della Roma e nella Nazionale italiana, riprenderà a giocare con la squadra elbana aderente alla Conifa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità