Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:58 METEO:PORTOFERRAIO12°14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, ritrovato un carro nuziale, artefatto incredibile e unico nel suo genere

Attualità venerdì 29 gennaio 2016 ore 17:12

L'antico dipinto torna a splendere

L'“Anna che insegna a leggere a Maria”, manufatto del '600, è stato restaurato e riconsegnato alla chiesa della Madonna delle Grazie



CAPOLIVERI — Cinque opere d'arte sono tornate a splendere nella chiesa della Madonna delle Grazie. Ci sono voluti tre anni di paziente e certosino restauro per riportare all'antico splendore i manufatti. 

Un percorso cominciato nel 2013 con il crocifisso ligneo del XVII° secolo, recuperato dalla restauratrice Monica Chiessi di Portoferraio. Poi è stata la volta di tre importanti dipinti a olio su tela, il cui restauro è stato curato da Silvia Zecchini: una Annunciazione del XVII° secolo, una Resurrezione che sul retro della tela porta firma e data (“Amedeo Frattini dipinse l’anno 1905”), un grande dipinto raffigurante la Madonna con Bambino, Sant'Andrea con la tipica croce a X e San Mamiliano che porta al guinzaglio un piccolo drago alato (simbolo del paganesimo) ormai domato. 

Pochi mesi fa la stessa restauratrice ha portato a termine con successo, sotto la direzione di Amedeo Mercurio, storico dell’arte della Soprintendenza alle Belle Arti di Pisa e Livorno, un complicato intervento di restauro su un dipinto a olio su tela di notevoli dimensioni (metri 2,40 x 1,70) esposto nella Chiesa Delle Grazie di Capoliveri. 

Il dipinto ha come soggetto “Anna che insegna a leggere a Maria”. L'opera mostrava imperfezioni diffuse, a partire dal supporto tessile e da lacerazioni della tela per arrivare allo sporco che si era depositato sulla pittura in maniera così abbondante da renderla in gran parte illeggibile.

Durante le operazioni preliminari è stato possibile osservare sull’intera superficie una preparazione rossastra e un film pittorico molto deteriorato: il consolidamento e l'integrazione pittorica sono stati indispensabili per la salute futura dell’opera stessa. 

Sul retro della tela è stato effettuato un intervento minuzioso per fortificare le zone deboli (soprattutto le cuciture) con il sottilissimo filo di lione (tetex) e, successivamente, è stato applicato il bewa film con l'utilizzo del termocauterio. 

In alcune zone è stato necessario eseguire un doppio intervento per essere più sicuri della resa a lungo termine. Eliminato lo sporco e eseguite con la necessaria cautela le operazioni di consolidamento, risanamento, pulitura e ritocco, la tela seicentesca è risultata molto più brillante e i colori sono ritornati splendenti. 

Anche questa volta il restauro del dipinto e della relativa cornice lignea è stato finanziato interamente dalla Nykor Pilot Pen Italia, azienda bolognese guidata da Piero Tomassini.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica