Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:58 METEO:PORTOFERRAIO12°14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, ritrovato un carro nuziale, artefatto incredibile e unico nel suo genere

Cronaca venerdì 03 febbraio 2017 ore 18:11

Restano in carcere gli autori del pestaggio

Il Gip ha confermato gli arresti per i quattro componenti della banda e disposto la custodia in carcere, libero l'amico della vittima



CAMPO NELL'ELBA — Saranno ancora ospiti delle patrie galere i quattro componenti della banda che nel pomeriggio del 30 gennaio hanno organizzato e portato a termine l'agguato ai danni di un 30enne bulgaro in località La Foce di Marina di Campo.

Il violento pestaggio, attuato a colpi di manganello, è costato 25 giorni di prognosi per l'uomo e 10 per la compagna incinta che ha assistito al fatto chiusa in macchina.

Al termine dell'udienza di convalida degli arresti portati a termine dai Carabinieri elbani, il giudice per le indagini preliminari Antonio Del Forno, assistito dal pubblico ministero, il sostituto procuratore Antonella Tenerani, ha disposto per i quattro componenti della banda la custodia in carcere fino al processo. 

Destinatari del provvedimento sono quindi Riccardo De Santis, palermitano ma residente a Marina di Campo da 22 anni, Mohamed Boudinar, tunisino residente nella frazione di Cavoli, e i due mercenari kosovari fatti arrivare sull'isola appositamente: Valon Limani 28 anni, clandestino proveniente da Reggio Emilia, e Besim Grajcevci, 40 anni, già oggetto di un procedimento di espulsione dal comune di Corsico e rientrato illegalmente in Italia.

E' stata invece disposta la sospensione del provvedimento cautela degli arresti domiciliari per G.G., l'amico 27enne originario di Napoli ma anche lui residente a Campo nell'Elba, che ha telefonato alla vittima attirandola nel luogo dell'agguato, il parcheggio isolato alla fine della strada che costeggia la spiaggia de La Foce.

L'uomo ha infatti dichiarato che la telefonata gli è stata estorta sotto minaccia armata, un aspetto della vicenda ancora al vaglio degli inquirenti.

Sia la vittima che gli arrestati, kosovari esclusi, sono quindi tutti residenti da tempo nel comune di Campo nell'Elba, un radicamento che è al centro delle indagini dei Carabinieri la cui attenzione è adesso volta a scoprire i legami con altri eventuali soggetti coinvolti per fare luce sulle motivazioni che hanno portato al pestaggio.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Regolamento di conti finisce nel sangue - Comandante Antimo Ventrone
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica