QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 15°19° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 16 ottobre 2019

Attualità venerdì 07 giugno 2019 ore 18:10

Ormeggi per i residenti, "molte incongruenze"

Porto di Marina di Campo

L'ex assessore campese Alessandro Dini scrive al sindaco per segnalare varie criticità relative al nuovo regolamento sui posti barca per i residenti



CAMPO NELL'ELBA — Alessandro Dini, ex assessore alla portualità del Comune di Campo nell'Elba, interviene con una lettera aperta indirizzata al sindaco per sottolineare alcune criticità e incongruenze sul nuovo regolamento degli ormeggi per le imbarcazioni dei residenti.

"Egregio Sindaco, - scrive Diniè apparso in questi giorni all'Albo Pretorio del Comune un avviso pubblico per la 'disciplina transitoria per l'utilizzo delle banchine del Porto di Marina di Campo', che invita i residenti del Nostro Comune, proprietari di un natante, contraddistinto, dal 2014, con apposito contrassegno da utilizzare per l'ormeggio della propria imbarcazione nelle banchine indicate, a presentare domanda per il mantenimento del suddetto contrassegno per l'anno 2019, pena decadenza dell'assegnazione. Purtroppo, a stagione inoltrata e con il porto praticamente inagibile, questa nuova forzatura fa il paio con l'entrata in vigore della normativa per la raccolta porta a porta dei rifiuti che sta creando grossi problemi, non solo di carattere estetico, specialmente con le temperature in salita, per quanto riguarda l'umido ed i componenti igienici degli anziani".

"Ben venga comunque questo focus sulla questione, ma - prosegue Dini - vanno sottolineate alcune incongruenze che rischiano di creare tensioni tra l'Amministrazione Comunale e la nautica Campese. Sulla problematica della regolamentazione degli spazi per l'ormeggio delle imbarcazioni dei Campesi si dibatte da decenni e nel periodo nel quale ho avuto l'incarico di Assessore alla Portualità si produsse l'Ordinanza n° 80, che delimitava misure e spazi da dedicare agli ormeggi dei residenti e si trattò di un primo passo considerato più che positivo. Dal 2002, inoltre, è presente l'Associazione Diportisti Residenti Campesi, che lei ben conoscerà,essendone stato suo Padre il 1° presidente pro-tempore e che nel suo Statuto ha come punto primario la ricerca di ormeggi,anche a pagamento, per le “nostre barche”, che da sempre sono soggette,oltre che alle volontà del Dio Nettuno, anche e soprattutto alla difficoltà di normare la questione da parte di tutte le Amministrazioni ed Autorità competenti. E qui si pongono le prime perplessità, poiché sarebbe stato oggettivamente opportuno che l'Amministrazione, come è accaduto in altri Comuni dell'Elba, prima di deliberare la disciplina, avesse incontrato l'A.D.R.C., che bene o male rappresenta la quasi totalità dei proprietari dei natanti presenti nello specchio acqueo del Porto di Marina di Campo, allo scopo d'illustrare le volontà della Giunta e recepire le problematiche sul piatto".

 Dini inoltre esprime perplessità di un nuovo iter, dato che esiste già una graduatoria e aggiunge che "questa richiesta di 350 euro da parte dell'Amministrazione, che viene 'venduta' come 'diritti d'istruttoria' che normalmente, tra versamenti una tantum e marca da bollo, assommano a circa 30 euro,pare più un canone annuale per consentire l'ormeggio in banchina,qualora vi si trovi posto, che un diritto di segreteria vero e proprio per avviamento burocratico, come avviene per le pratiche edilizie per abitazioni fino a 150 mq". 

Una cifra che, secondo Dini, invece servirebbe soltanto  per "l'ipotetica possibilità dell'ormeggio", dato che nel porto non ci sarebbero strutture adeguate e per le condizioni meteo marine non ci sarebbe garanzia per le barche.

Insomma una situazione, secondo Dini, anomala in quanto si chiede un pagamento ma non si riceverebbe un servizio.

"Forse c'è qualcosa da rivedere nell'intera questione, perché a prima vista, pare che l'estensore della delibera non mastichi abbastanza di arte marinaresca. Questione che si presenta a ridosso dell'estate, dopo 5 anni di totale silenzio e che pare ai più un'operazione isterica e precipitosa, dettata forse dalla voglia di mostrare che qualcosa si muove sul fronte Portuale, con il rischio che tutto ciò appaia come il classico elefante all'interno di una cristalleria". 

"Oppure - prosegue Dini - siamo di fronte al desiderio nascosto di qualcuno che spera ci siano poche richieste in arrivo agli Uffici Comunali, così da mettere ancor più le grinfie sulle banchine rimaste libere, quindi molto appetibili commercialmente. Possibilità questa, probabilmente non ben valutata dall'Amministrazione Comunale,ma alla quale si deve fare assolutamente attenzione, sia per il presente che per il futuro. Per di più, chiedere 350 euro solo per avviare una pratica burocratica (o canone annuale come forse è meglio chiamarlo e che probabilmente in questi termini non è nemmeno consentito dalle vigenti leggi), quando nello specchio acqueo del Porto Campese insistono alcuni campi boe di dimensioni consistenti, i cui gestori, per tale utilizzo, versano nelle casse dello stato 1050 euro all'anno, pare di una disparità imbarazzante nei confronti dei residenti".

"E se vogliamo essere ancor più esplicativi, - spiega Dini - si corre il rischio, qualora le richieste dell'Amministrazione Campese andassero a segno, di pagare, solo per iniziare la pratica di rilascio del nuovo bollino, circa 20 euro al mq, contro gli 0,20 centesimi che versa per lo stesso mq uno stabilimento balneare che opera sugli arenili del Comune di Campo nell'Elba. Tutto contornato dal fatto che la sicurezza contro i marosi è inesistente, nonostante riccioli e scogli posizionati in modo “discutibile ” sulla testata della Diga Foranea, oltre al fatto che la profondità delle acque del Porto diminuisce sempre di più".

"Si badi bene - prosegue Dini - non si stanno qui cercando scappatoie per usufruire gratuitamente, sine die, di un posto privilegiato a banchina, ma si sottolinea il fatto che esiste la concreta possibilità di pagare una quota senza avere niente in cambio; e ciò pare oggettivamente inaccettabile. Inoltre avanza l'ipotesi, senza voler fare processi alle intenzioni, ma a Marina di Campo, ormai la realtà supera la fantasia, che gli spazi dove dovrebbero ormeggiare i Diportisti Campesi, vadano in seguito a gara con tutte le problematiche che ne conseguirebbero, lasciando i Campesi con la concreta possibilità di ormeggiare la propria imbarcazione sotto il famoso fico". 

"Quindi, - conclude Dini, dopo aver sottolineato tutte le criticità nel nuovo regolamento - appare logica conseguenza chiedere che l'Amministrazione Comunale procrastini tali decisioni al prossimo autunno, così da valutarle più serenamente insieme all'A.D.R.C., con la soddisfazione, credo, di entrambe le parti".



Tag

Renzi e Salvini d'accordo su Raggi: «Vada a casa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Sport

Attualità