Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:50 METEO:PORTOFERRAIO14°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Attualità giovedì 02 novembre 2017 ore 16:43

Marangone pianosino avvistato a Livorno

Il marangone avvistato a Livorno

L'esemplare osservato per due anni consecutivi dall'ornitologo Leonardo Cocchi. L'uccello marino nato a Pianosa nel 2014



CAMPO NELL'ELBA — Un esemplare di Marangone dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis desmarestii) recante alla zampa un anello di colore giallo con inciso un codice leggibile a distanza è stato avvistato e fotografato a Livorno nell’agosto scorso, nei pressi della Rotonda di Ardenza. La lettura dell’anello e la successiva segnalazione al Centro Nazionale di Inanellamento – ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) hanno permesso di accertare che si tratta di un uccello nato nel 2014 sull’Isola di Pianosa. Lo stesso esemplare era stato osservato a Livorno anche nell’agosto del 2016, esattamente nella stessa località dove è stato avvistato nell’agosto scorso.

Il Marangone dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis) è un uccello marino simile al Cormorano (Phalacrocorax carbo) ma leggermente più piccolo e più snello; è una specie mediterraneo-atlantica che comprende tre sottospecie nidificanti in aree distinte: aristotelis in Europa occidentale e settentrionale; riggenbachi sulle coste nord-africane (Marocco); desmarestii nel Mediterraneo e nel Mar Nero.La popolazione nidificante italiana è stimata in circa 1600-2000 coppie, concentrate principalmente in Sardegna e presenti in piccoli nuclei nell’Arcipelago Toscano (Baccetti, 2005; dati riferiti al decennio 1991-2000).

L’esemplare osservato a Livorno è stato inanellato nel nido il 13 marzo 2014 (circa un mese dopo la nascita) sull’Isolotto La Scola, distante duecento metri dalla costa sud-orientale di Pianosa. L'inanellamento è stato condotto dal ricercatore dell’ISPRA Nicola Baccetti, coadiuvato dai tecnici dell’ISPRA Adriano De Faveri e Marco Zenatello, e da Francesco Pezzo (collaboratore del COT – Centro Ornitologico Toscano).

E’ stato marcato apponendogli alla zampa sinistra un anello giallo con il codice A28 inciso in caratteri neri sufficientemente grandi per essere leggibili a distanza, utilizzando un binocolo o un cannocchiale. Alla zampa destra è stato apposto un anello metallico con incisi il codice P0005209 e l’indirizzo dello schema italiano di inanellamento, leggibili solo a breve distanza, ad esempio tenendo l’animale in mano.

Il marangone con l’anello A28 è stato fotografato il 23 agosto scorso da Leonardo Cocchi a Livorno nei pressi della Rotonda di Ardenza, a 105 Km di distanza dal luogo dell’inanellamento e dopo un intervallo di tempo di 3 anni, 5 mesi e 13 giorni (pari a 1258 giorni) dalla data dell’inanellamento.

Cocchi, collaboratore del COT, ha fotografato il marangone con una macchina fotografica stagna dopo essersi avvicinato a nuoto agli scogli che delimitano l’insenatura di uno stabilimento balneare, dove l’uccello era posato; nello stesso luogo lo aveva osservato anche il 27 agosto 2016.

Da osservazioni e ricatture di uccelli inanellati si è potuto accertare che nel Marangone dal ciuffo la massima longevità riscontrata è di 17 anni e 5 mesi – dato riferito ad un uccello marcato con l’anello norvegese Norway Stavanger NOS 207163 (Staav, 1998) – e che in questa specie la prima nidificazione avviene all’età di tre anni (Aebischer et al. 1995).

L’attività di inanellamento è coordinata in Italia dal Centro Nazionale di Inanellamento - ISPRA che ha sede ad Ozzano Emilia (BO). A livello europeo è coordinata dall’EURING (Unione Europea per l’Inanellamento) che aggiorna la banca-dati in cui confluiscono le informazioni di cattura e ricattura provenienti dai vari Paesi; la banca-dati è ospitata presso il BTO (British Trust for Ornithology) a Thetford (UK).

La lettura di un anello colorato o il ritrovamento di un uccello inanellato possono essere comunicati al seguente indirizzo: Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Via Cà Fornacetta 9, 40064 Ozzano Emilia (BO), Tel. 051 6512111, Fax 051 796628 (vedi anche http://www.euring.org o il sito www.ring.ac).

Per saperne di più sull’inanellamento scientifico si consigliano la brochure dal titolo L’inanellamento per la scienza e la conservazione e l’opera in due volumi Atlante della Migrazione degli Uccelli in Italia, scaricabili rispettivamente ai seguenti indirizzi:

https://euring.org/files/documents/brochure2007/EURNG_brochure_italian_2008.pdf

http://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/pubblicazioni-di-pregio/atlante-della-migrazione-degli-uccelli-in-italia

Riferimenti bibliografici

Aebischer, Potts & Coulson 1995. Site and mate fidelity of Shags Phalacrocorax aristotelis at two British colonies. Ibis 137: 19-28.

Staav R 1998. Longevity list of birds ringed in Europe. Euring Newsl. 2: 9-17.

Baccetti N 2005. Uccelli. In Blasi, Boitani, La Posta, Manes, Marchetti (a cura di): “Stato della Biodiversità in Italia”. Palombi Editori (Roma): 351-353.

Per informazioni contattare:

Leonardo Cocchi

Dottore Magistrale in Scienze Naturali

Collaboratore del COT – Centro Ornitologico Toscano

Inanellatore autorizzato da ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

Indirizzo: Via Ascoli 45, 57127 Livorno

e-mail: leococchi@gmail.com,

Tel. cell. 338 3639961

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le radici e il movimento dell'albero hanno spaccato da tempo il basamento. La segnalazione arriva dal paese di Rio nell'Elba vicino alla Pietà
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità