Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:20 METEO:PORTOFERRAIO19°36°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Giorgia, Ursula e Marine: tre donne al bivio per il futuro dell'Europa
Giorgia, Ursula e Marine: tre donne al bivio per il futuro dell'Europa

Politica mercoledì 29 marzo 2023 ore 18:16

"Aeroporto? Serve il Comune unico dell'Elba"

Naufragato il tentativo di un nuovo referendum sul Comune unico, Stefano Martinenghi interviene sul futuro dell'aeroporto dell'isola



CAMPO NELL'ELBA — "Il dibattito sull'ampliamento o chiusura dell'aeroporto è l'ennesima dimostrazione dell'urgente necessità di istituire il Comune dell'Isola d'Elba per assicurare un futuro alla comunità elbana. E' già stato fatto notare da più parti che l'aeroporto di Campo nell'Elba è al servizio dell'Elba tutta come il porto di Portoferraio e che dunque non ha senso un referendum riservato ai soli residenti Campesi - anzi ai soli abitanti di Marina di Campo se è vera la notizia che nelle frazioni non verranno aperti i seggi".

A parlare dopo mesi di silenzio è l'imprenditore Stefano Martinenghi a nome del Comitato "Elba in Comune" che insieme ad altri aveva cercato di avviare un nuovo referendum sulla questione del Comune unico dell'isola d'Elba, tentativo poi naufragato, come spiega lo stesso Martinenghi.

"Se però si considera che il Sindaco Montauti ha più volte dichiarato pubblicamente la propria avversità all'ampliamento dell'aeroporto, si comprende che questo referendum - il cui esito con questi presupposti appare scontato - è una mera operazione di comunicazione politica. - prosegue Martinenghi - La cui finalità è sgravare il Sindaco agli occhi della pubblica opinione dalla responsabilità di un diniego devastante per l'Elba. Perchè, secondo quanto si è appreso dai media, il diniego all'ampliamento dell'aeroporto comporterà la chiusura di esso in danno della continuità territoriale, dello sviluppo turistico, occupazionale ed economico dell'Elba". 

Secondo Martinenghi "E' evidente a chiunque che il Sindaco di un Comune di 4.700 abitanti come Campo nell'Elba non può avere in pugno le sorti e il futuro turistico di una comunità Elbana di 32.000 abitanti, come il Sindaco di un Comune di quasi 12.000 abitanti come Portoferraio non dovrebbe decidere per l'ospedale al servizio di tutta l'Elba. E invece è proprio quanto accade e continuerà ad accadere senza il Comune dell'Isola d'Elba, con i risultati sotto agli occhi di tutti. Com'è noto, la scorsa primavera il nostro comitato "Elba in Comune" aveva avviato la raccolta firme per accedere al referendum confermativo la proposta di legge per il Comune dell'Isola d'Elba dichiarata procedibile dalla Regione Toscana. L'aveva avviata, ma non conclusa, perchè i consiglieri comunali di ogni schieramento politico di ogni Comune si sono rifiutati di recarsi ai banchetti per autenticare le firme e così adempiere al proprio dovere istituzionale. Chi con un pretesto, chi con un'altro". 

"E' vero, - prosegue Martinenghi - come ha contestato garbatamente al sottoscritto un noto e influente sindaco dichiaratosi pubblicamente favorevole al Comune dell'Isola d'Elba (al pari di altri), che non si può obbligare un consigliere comunale a recarsi a un banchetto in strada per autenticare le firme; ma è altrettanto vero che l'autentica delle firme per l'istituzione dei referendum confermativi è un dovere istituzionale dei consiglieri comunali. I quali, rifiutandosi, hanno privato i cittadini Elbani del diritto di votare a favore o contro il Comune unico dell'Isola d'Elba in un referendum istituzionale richiesto dalla legge. Non di comodo come quello organizzato a Campo nell'Elba".

"Per risolvere il problema "istituzionale" dell'autentica delle firme, - aggiunge Martinenghi  - ne ho discusso con alcuni dirigenti nazionali di partiti di ogni schieramento in occasione del convegno tenutosi lo scorso 16 febbraio presso l'aula del Senato Nassiriya con tema: "Le fusioni tra comuni: un'opportunità per il governo del territorio"; convegno organizzato dall'associazione nazionale FCCN (Fusione Comuni Comitato Nazionale) della quale sono membro del direttivo presieduto dal presidente Antonello Barbieri. Fra i politici intervenuti i parlamentari Graziano Del Rio - al quale si deve l'omonima legge sulla fusione dei Comuni n.56/2014 - e Debora Serracchiani del PD, Roberto Bagnasco di F.I., Daniela Sbrollini di Azione-Italia Viva. In merito a quanto accaduto all'Elba il presidente FCCN Barbieri ha interpellato anche il consigliere regionale del PD responsabile per l'Elba Gianni Anselmi, che è stato prodigo di consigli".

"La soluzione emersa dai colloqui per ottenere il sostegno della politica e riavviare celermente l'iter di raccolta firme per l'istituzione del referendum è quella di depositare nuovamente la stessa proposta di legge del nostro comitato già dichiarata procedibile dalla Regione, - prosegue Martinenghi - coinvolgendo in prima persona le associazioni di categoria del territorio ed altri Enti che hanno a cuore il futuro dell'Elba. Il nostro comitato ha accolto senza riserve tali indicazioni ed avviato i primi colloqui con esito positivo.
Terremo informati i cittadini Elbani dei prossimi sviluppi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I carabinieri forestali hanno trovato opere eseguite e in corso senza i necessari permessi e hanno denunciato la proprietaria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport