Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Attualità giovedì 17 settembre 2020 ore 11:48

Ungulati all'Elba, "serve eradicazione mirata"

Cinghiale
Foto di repertorio

"Elba Consapevole" chiede l'intervento di esperti per porre fine al problema dei danni degli ungulati e disapprova la proposta dei cacciatori



PORTOFERRAIO — "In questi giorni l'argomento cinghiali e mufloni è stato il dibattito principale sull'isola, a causa della devastazione generata dalle due specie introdotte in un habitat non loro, per altro selezionando ungulati provenienti dall'estero e con caratteristiche spiccatamente più adatte per chi caccia, in quanto più riproduttive e di dimensioni più generose".

Ad intervenire sulla questione è l'associazione Elba Consapevole che ritiene che i cacciatori non possano essere la fonte di soluzione del problema.

"Oggi leggiamo che gli stessi cacciatori si offrono per ripristinare il problema da loro generato, - aggiungono dall'associazione - ma un'eradicazione non è un gioco al massacro casuale, bensì un’operazione seguita, monitorata, fatta di catture con diverse metodologie quindi, dietro all'azione ci devono essere persone preparate per questa mansione e non persone qualsiasi che fino all'altro giorno liberavano i cinghiali per garantirsi il divertimento di cacciarli. La proposta delle associazioni venatorie è chiara: ci pensiamo noi, lasciateci fare le braccate nel parco, peccato che oltre ad essere illegale, quando è stato fatto si è rivelato del tutto inefficace".

"Questo conflitto d'interesse - aggiungono da Elba Consapevole -  ha portato a chi lo ha appoggiato una manciata di voti, mentre agli agricoltori elbani la situazione disperata in cui ci troviamo oggi. Sono già state tentate le strade dei selettori e della caccia di selezione, senza sortire nessun risultato positivo, anzi un effetto contrario, in quanto una specie, se mantenuta in condizioni ideali e 'sfoltita' con caccia di selezione, finisce per riprodursi più velocemente e agevolmente in quanto ha più facilità a reperire le risorse vitali senza essere competitrice di se stessa".

"Le chiacchiere fatte finora senza troppi fondamenti scientifici devono rimanere tali, la questione deve essere messa in mano a biologi, scienziati ambientali, scienziati naturali ecc. che progettino un'eradicazione mirata resa possibile dal territorio insulare. - concludono dall'associazione Elba Consapevole - Ancora non è troppo tardi per cominciare una rinaturalizzazione dell'isola che passa anche da operazioni sgradevoli come questa, ma resesi necessarie per il mantenimento di una biodiversità unica come quella della nostra isola".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per evitare l'attesa due pazienti sono stati trasferiti contemporaneamente all'ospedale di Livorno con l'elisoccorso intorno alle 19,30
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO