Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:PORTOFERRAIO14°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Attualità sabato 19 giugno 2021 ore 12:15

"Non sono spiagge per tartarughe marine"

Ripascimento in corso alla spiaggia della Biodola, Portoferraio

Legambiente si scaglia contro il massiccio ripascimento sulle spiagge elbane e in particolare alla Biodola: "Non è il periodo né il modo adatto".



ISOLA D'ELBA — "Alla Biodola è in corso un massiccio ripascimento con mezzi pesanti della spiaggia che comporta lo sversamento di sabbia sedimentata del fondale, carica di materiale organico e di diversa consistenza, mentre a pochi passi da quello che è un vero e proprio cantiere industriale si continua a fare il bagno come se nulla fosse".

Ripascimento alla Biodola

Si apre così una nota di Legambiente Arcipelago toscano che si scaglia contro i ripascimenti delle spiagge elbane a stagione turistica già iniziata*.

"Nei giorni e settimane precedenti - prosegue Legambiente - sono stati effettuati interventi su spiagge sabbiose e di sassi per ripascerle o riprofilarle utilizzando mezzi pesanti. I continui ripascimenti della spiaggia di Marina di Campo (uno degli arenili che, secondo studi del Cnr e di Enea è destinato a finire sott’acqua entro il 2050) hanno creato una spiaggia artificiale che alla prima moderata mareggiata estiva mostra subito zone diverse per compattezza e resilienza della spiaggia, con la creazione di gradienti impossibili da risalire per una tartaruga marina intenzionata a depositare le sue uova, come fece nel 2017 la Caretta caretta “Federica”".

Ripascimento alla Biodola

"In questa spiaggia - continua Legambiente - alcune aree sono ben gestite da operatori balneari attenti, in altre scorrazzano le ruspe, creando quotidianamente solchi e un ambiente ancor più artificiale in quella che è ormai una vera è propria area “industriale”. Qualcuno usa un bene pubblico come se fosse privato, e non in concessione. A Lacona si sta provvedendo a un “vaglio” della sabbia con un grosso mezzo meccanico, su una spiaggia che fa parte del Parco Nazionale e accanto alle dune protette, mettendo ancora più a rischio un ambiente già delicato e acuendo quell’erosione che si crede di combattere. Il tutto mentre il Comune che chiede che le miniere diventino Patrimonio Unesco si oppone all’istituzione di un Sito di interesse comunitario (SIC) sulle dune di Lacona che non aggiungerebbe nessun vincolo rispetto al Parco ma forse solleciterebbe maggiore attenzione".

"Forse Parco Nazionale, Comune e operatori turistici dovrebbero finalmente arrivare a stendere un protocollo d’intesa sulla gestione sostenibile della spiaggia di Lacona. - prosegue l'associazione ambientalista -  Anche perché quel che fanno finta di non vedere le Aamministrazioni elbane – a cominciare dal sì all’espansione della miniera Eurit e allo smantellamento di una collina e al no all’Area marina protetta - l’Unesco lo vede benissimo".

"Episodi di questo genere, a stagione turistica e di nidificazione delle tartarughe marine iniziata, stanno avvenendo un pò ovunque, eppure ci sembra di ricordare che nel 2019 la Regione Toscana abbia vietato i ripascimenti nel periodo giugno – settembre - aggiunge Legambiente - proprio per gli impatti che comportano sulla nidificazione delle tartarughe marine, per non parlare di quello sui turisti che vengono in vacanza non certo per fare il bagno accanto a un cantiere e a prendere il sole nei solchi dei cingoli delle ruspe e delle ruote dei trattori".

Ripascimento Marina di Campo

"Da quanto dicono le amministrazioni comunali, - continua Legambiente - i lavori su alcune spiagge sarebbero iniziati in ritardo a causa del mancato arrivo in tempo dei finanziamenti regionali, ma questo evidenzia due cose: 1. La mancata programmazione nella gestione di quello che si considera comunque un bene economico prezioso; 2. che non si affrontano i problemi strutturali che ci sono dietro l’erosione delle spiagge, continuando però a spendere negli anni centinaia di migliaia di euro per interventi spot che durano il tempo di una stagione".

"Intanto, tutte le promesse di spiagge “tarta-friendly” fatte da Regione e Comuni sono andate a farsi benedire e, al posto delle tartarughe, la mattina sulle spiagge scorrazzano le ruspe che aggravano tutti i fenomeni che poi si crede di risolvere con ripascimenti tanto costosi quanto tardivi ed effimeri. Anche per le spiagge occorrerebbe concertare interventi e modalità di utilizzo e di ripristino a livello elbano, ma ognuno va per conto proprio e la Regione sta a guardare e finanzia le sorbone", conclude Legambiente.     

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel mirino della Guardia di finanza una serie di beni di proprietà e nella disponibilità di un commercialista. Sequestri anche sul territorio elbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Attualità