Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:46 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Ibra in ritardo arriva grazie a un passaggio in moto in autostrada: il video

Attualità mercoledì 07 ottobre 2020 ore 11:06

"L'Elba non è isola vocata ai cinghiali"

cinghiale
Foto di repertorio

Italia Nostra: "Senza l’eradicazione degli ungulati non si può parlare di tutela del nostro patrimonio culturale e restauro ambientale".



PORTOFERRAIO — Prosegue all'Elba il dibattito sull'emergenza ungulati e in particolare sui problemi legati al proliferare dei cinghiali, che sta coinvolgendo non soltanto le istituzioni ma anche associazioni e portatori di interessi. A questo proposito Italia Nostra Arcipelago Toscano interviene con una nota sottolineando la necessità di intervenire drasticamente.

"Sull’impatto negativo degli ungulati per la biodiversità dell’isola Italia Nostra Arcipelago Toscano si è già espressa inviando un appello a tutti i sindaci e ai candidati alle elezioni regionali, a firma congiunta di ben sette associazioni elbane rappresentanti vari settori, ambiente, biodiversità, cultura, archeologia, paesaggio, agricoltura, enogastronomia (leggi qui l'articolo). - spiega Italia Nostra in una nota -  L’appello conteneva la richiesta di occuparsi del futuro della nostra isola, partendo dalla tutela del patrimonio naturale e culturale con un’analisi della attuale situazione di crisi, oltre la quale appare irragionevole e irreversibile perseverare, perché l’impatto dei cinghiali riguarda anche la tutela del nostro complesso storico-artistico, architettonico, archeologico e paesaggistico".

"L’opportunità di un programma di interventi per l’eradicazione dei cinghiali investe in pieno anche il settore culturale. - prosegue Italia Nostra - Adottare e applicare ogni misura atta a conservarlo e valorizzarlo nel migliore dei modi possibile è preferibile al ricorso a recinzioni esagerate e ghettizzanti di intere aree extra urbane, insieme alla necessità di garantire la sicurezza delle persone, dei lavoratori e dei visitatori che hanno il diritto di apprezzare i valori culturali senza correre rischi inutili. Proporre di chiudere aree a rischio con recinzioni di ogni tipo cambia anche l’architettura del paesaggio, ne modifica la sua percezione, danneggiando la stessa fruibilità del territorio. Ci abbiamo messo una vita a restaurare i resti del nostro passato, disseminati sull’isola, ora minacciati anche dall’impatto in termini di architettura del paesaggio con una scelta barricadera. Non solo non funziona, ma cambia in peggio un’isola a vocazione turistica".

"Testimonianze storico-culturali parziali ma preziose della storia elbana sono dissestate e quello che era sopravvissuto per secoli è in pericolo o è già distrutto per sempre. - dichiara Italia Nostra - Aree nella zona occidentale dell’Elba, come la vecchia Pomonte, l’insediamento etrusco di Monte Castello dall’altra parte, la Villa romana delle Grotte a Portoferraio, il Santuario della Madonna del Monte, sono solo pochi esempi, ognuno di essi, in pericolo. I muretti a secco diffusi in tutta l’isola sono un’opera monumentale degli elbani nei secoli scorsi. Sappiamo noi che L’Arte dei muretti a secco  è iscritta nella Lista del Patrimonio culturale immateriale dell'Unesco?"

"Italia Nostra - si conclude la nota - ringrazia l’Amministrazione di Marciana per aver affrontato la questione da un punto di vista chiaro e forte, che non dà adito a dubbi, ma che è servito invece a lanciare una sfida alla Regione contro una decisione che ci penalizza e ridicolizza, cioè indicare l’Elba 'area vocata' al cinghiale. Sfida finalmente raccolta a cascata da altre amministrazioni, associazioni, cittadini". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Attualità

Attualità