Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PORTOFERRAIO12°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Terzigno, carabiniere prende a calci un ragazzo che ha le mani alzate: rischia il trasferimento

Politica venerdì 19 febbraio 2021 ore 13:32

Danni dei mufloni, interrogazione in Regione

Il consigliere regionale della Lega Ulmi sulla situazione al Giglio dichiara: "Raccolgo l'appello degli agricoltori sui danni causati dai mufloni".



ISOLA DEL GIGLIO — Il consigliere regionale della Lega Andrea Ulmi ha raccolto l'appello di alcuni imprenditori agricoli dell'Isola del Giglio sui danni causati da mufloni ed ha presentato un'interrogazione alla giunta regionale in cui chiede come si stia sviluppando il progetto Life Nature and Biodiversity Technical Applications Form e che azioni intenda assumere la Regione per eventualmente affiancare lo stesso progetto e per eradicare la presenza di mufloni all’isola del Giglio.

"I mufloni sull'Isola del Giglio stanno mettendo a rischio le coltivazioni, - ha spiegato il consigliere Ulmi - per questo ho raccolto l'appello di diversi imprenditori agricoli locali ed ho presentato un'interrogazione in Regione per capire come si intenda dare piena attuazione al progetto europeo Life Nature and Biodiversity Technical Applications Forms che prevede l'eradicazione di questa specie alloctona, importata negli anni '60 da un'azienda locale e tenuti all'interno di recinzioni. A causa della trascuratezza degli anni successivi le reti si sono rotte e gli animali hanno iniziato a circolare liberamente sull'Isola creandovi il loro nuovo habitat".

"Il Parco dell'Arcipelago - ha inoltre dichiarato Ulmi - ha dato vita ad abbattimenti selettivi, concordati anche con l'amministrazione comunale, ma occorre fare di più per arrivare a riportare il Giglio ad una situazione di normalità. Negli ultimi tempi l'Isola ha visto una crescita dell'attività agricola con la produzione di prodotti di qualità. L'inserimento da parte del Ministero dell'Agricoltura dell'Isola tra le zone disagiate permetterà agli stessi di poter dare nuovo impulso alle loro attività grazie alle nuove opportunità, anche in termini di finanziamento, che questo status comporta". 

"Per questo - ha concluso il consigliere regionale - è necessario eliminare, così come previsto dal progetto continentale e come richiesto dagli agricoltori locali, il muflone che rappresenta una criticità per questo tipo di attività, che, nel passato, si era trovato già a fare i conti con quella rappresentata dai conigli selvatici".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dopo le recenti vicende che mettono a rischio le compagnie del gruppo Onorato è lo stesso armatore ad intervenire per spiegare cosa sta accadendo
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità