Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un branco di 30 lupi entra in teatro, corre tra gli spettatori e assale gli attori: ma sono animali addestrati

Attualità martedì 02 febbraio 2021 ore 12:00

Canile Elba, "un progetto da migliorare"

Foto di repertorio

L'associazione de I Ragazzi del canile interviene dopo aver visionato il progetto del canile-gattile comprensoriale spiegando il suo punto di vista



PORTOFERRAIO — "Ormai tutti sanno che le associazioni animaliste elbane, tanti singoli volontari ed alcune associazioni estere, da sempre si fanno carico in modo quasi totale delle problematiche legate all'abbandono ed al maltrattamento di cani e gatti ed alla gestione delle colonie feline. Finalmente siamo arrivati, dopo una gestazione di oltre 15 anni, alla fase conclusiva della progettazione del canile comprensoriale". 

Si apre così un intervento di Andrea Tozzi in rappresentanza dell'associazione I ragazzi del canile, che interviene sul progetto del canile-gattile comprensoriale dell'isola d'Elba.

"Nel momento in cui il servizio pubblico sarà attivato, - si legge nella nota - l'isola si doterà anche di una clinica attrezzata per affrontare le patologie o i traumi più gravi, di un servizio di reperibilità 7/7 H24 (il che significa che ogni giorno ed a qualsiasi ora ci sarà un veterinario disponibile), di un servizio di recupero degli animali vaganti sul territorio".

Secondo l'associazione però ci sono alcuni aspetti da migliorare nel progetto perché come spiega "Purtroppo, presa visione del progetto definitivo della struttura, che conferma tutte le perplessità che avevamo in precedenza espresso (dieci soli box destinati a canile rifugio, area di sgambamento di 40 metri quadri su 8000 metri quadro disponibili) ci siamo rapportati con l’amministrazione di Portoferraio sollecitandone la modifica con una serie di soluzioni che garantiscano:  la facilità di gestione degli animali (aumento del numero dei box dotati di ampi recinti di sgambamento dedicati ed in loro prossimità);  l'accessibilità per i volontari ed i visitatori (in modo da facilitare le adozioni ed aumentare la sensibilizzazione verso i temi dei diritti degli animali) realizzando anche spazi attrezzati per la sosta; l'adeguata organizzazione dell'area gattile attraverso un progetto dettagliato".

"Caratteristiche proprie, a parte il gattile, - spiega l'associazione - del primo progetto commissionato dalla Comunità Montana nel 2005 e sparite nelle successive rielaborazioni (a partire dal 2011). In assenza di tali presupposti, la costruzione di un canile non in grado di rispondere alle necessità dell'isola ed a quelle del benessere degli ospiti a due e quattro zampe, sarà solo un’altra grande occasione perduta (con un impegno di denaro pubblico di almeno 750.000 euro) e rappresenterà un problema nel problema, che noi, naturalmente, non potremo condividere".

"Al contrario, - spiegano dall'associazione - la creazione di un idoneo presidio territoriale sarà determinante per ricostruire quella rete di relazioni tra Comuni, Azienda Sanitaria Locale, Volontariato ed elbani tutti che prima o poi porterà, ne sono certo, a non avere più bisogno di una struttura i accoglienza per i randagi o le vittime di maltrattamento. Le associazioni ed i tanti volontari potranno finalmente svincolarsi dalla costante pressione a cui sono attualmente sottoposti e fornire al servizio pubblico quel supporto fondamentale perché il sistema Segnalazione >recupero > cura >accoglienza > affidamento permetta al canile di mantenere la sua natura di stallo temporaneo, luogo di breve permanenza in attesa dell'adozione degli animali".

Secondo I ragazzi del canile "con il contributo di un sistema organizzato e radicato sul territorio come quello rappresentato dalle associazioni elbane, unito alle agevolazioni che può mettere in campo l'ente gestore, sarà possibile organizzare quel circuito virtuoso che attraverso la partecipazione, l'informazione e la sensibilizzazione renderà più facile l'affidamento. Affidamento che è l'ultimo, ma più importante, passaggio senza il quale la struttura rischierà di trasformarsi in un triste carcere per cani e gatti (i casi di canili lager sono numerosissimi) e una volta saturata la capienza diventerà un inutile e costoso deposito di animali. Di fronte a questa prospettiva, molto meglio farne a meno".

"Siamo ancora in tempo - conclude l'associazione - per fare si che il nuovo progetto possa ridare all'Elba quella dignità sul piano dei servizi agli animali che residenti ed ospiti giustamente pretendono. Con tutto il supporto che saremo in grado di assicurare, anche, naturalmente, nell'ambito di una gestione coordinata".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un grupoo di amici ha creato un comitato per organizzare una giornata di sport e beneficenza in ricordo del giovane scomparso prematuramente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità