Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PORTOFERRAIO19°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Attualità domenica 25 luglio 2021 ore 14:30

Tartaruga marina tenta di nidificare all'Elba

La tartaruga marina a Marina di Campo

L'esemplare di Caretta Caretta ha iniziato a scavare per deporre le uova ma era troppo vicina al mare. Ecco come comportarsi in caso di avvenimenti



CAMPO NELL'ELBA — All'isola d'Elba una tartaruga marina ha tentato di scavare un nido per deporre le sue uova. Il fatto è stato segnalato da Legambiente Arcipelago toscano che ha spiegato che il.18 Luglio scorso, intorno alle 5 di mattina, una tartaruga marina (Caretta caretta) ha risalito la spiaggia di Marina di Campo, e ha iniziato a scavare molto vicino alla battigia, subito dopo il fosso, molto vicina al mare, nella stretta lingua di sabbia profonda poco più di 3 metri che chiude la spiaggia in località La Foce.

"Probabilmente - hanno commentato da Legambiente - mamma tartaruga non ha trovato l’ambiente giusto, sia per fondo sabbioso che per lontananza dal mare che cercava, e dopo un tentativo di scavo ha preferito tornarsene in mare. Un episodio che non solo conferma i recenti avvistamenti di tartarughe marine vicino ad alcune spiagge elbane, ma anche che questi pacifici rettili marini stanno cercando arenili dove nidificare, dimostrando l’importanza del quotidiano monitoraggio svolto dalle e dai Tartawatchers di Legambiente Arcipelago Toscano che, in collaborazione con il Parco Nazionale, ogni mattina all’alba cercano tracce di nidificazione".

"La spiaggia di Marina di Campo - hanno sottolineato da Legambiente - è la stessa dove nel 2017 ci fu la prima nidificazione conosciuta all’Elba (vedi articoli correlati sotto). Quella della famosa mamma tartaruga Federica che depositò un numero record di uova dalle quali nacquero più di 100 tartarughine.
Legambiente ringrazia il personale del Campeggio La Foce per la segnalazione e Riccardo Mibelli per le foto della tentata deposizione e invita tutti a fare attenzione alle tracce che si trovano sulla spiaggia".

Infine Legambiente ha ricordato quali sono le regole da seguire se si trovano tracce di nidificazione o se si avvista una tartaruga marina su una spiaggia dell’Isola d’Elba o a Pianosa:
- avvertire subito la Guardia Costiera: tel. 1530 e Legambiente Arcipelago Toscano: 3407113722;
- non avvicinarsi alla tartaruga mentre risale la spiaggia;
- si può fotografare la tartaruga da distanza dopo che ha iniziato lo scavo per la deposizione delle uova, senza flah, mai frontalmente, in silenzio e senza spaventarla per non interrompere la nidificazione;
- a nidificazione avvenuta e dopo che la Tartaruga è ritornata in mare, bisogna individuare il perimetro dello scavo, delimitandolo provvisoriamente, senza infilare bastoni o altro per non danneggiare le uova.
Spostare eventuali lettini e ombrelloni, prima dell’arrivo dei turisti e transennare con un perimetro di sicurezza di almeno 3 metri;
- impedire il passaggio di mezzi usati per la pulizia della spiaggia e non rastrellare il sito di nidificazione;
- avvisare il proprietario o concessionario dell’area e se possibile aspettare l’arrivo dei volontari di Legambiente e della Capitaneria di Porto.

Legambiente ha infine ricordato che la manipolazione dei nidi può avvenire solo da parte di  persone autorizzate.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La segnalazione arriva da Riccardo Nurra, ex assessore del Comune di Portoferraio, che invita gli attuali amministratori a curare il decoro urbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Sport

Attualità