Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO14°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità giovedì 11 marzo 2021 ore 15:30

"No all'uccisione dei mufloni delle isole toscane"

Il Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana scrive al Parco nazionale Arcipelago toscano per tutelare la vita dei mufloni



ARCIPELAGO TOSCANO — Il Caart, Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana, ha inviato una lettera aperta al Parco nazionale Arcipelago toscano in cui "chiede ancora una volta e con maggiore convinzione all'Ente Parco dell'Arcipelago Toscano nella persona del presidente Sammuri e ai consiglieri tutti di ripensare alla decisione di eradicare il muflone nelle isole toscane, al Giglio e all'Elba".

Questo anche alla luce del fatto che alcuni piccoli agricoltori dell'Isola del Giglio proprietari di vigneti, frutteti, seminativi e orti hanno fatto sapere che "i mufloni non rappresentano un pericolo per l'agricoltura locale in quanto, per evitare la possibilità di eventuali brucature, è sufficiente installare una recinzione", spiegando che "i vigneti provvisti di recinzione non hanno mai ricevuto alcun danno da mufloni, segno che una semplice recinzione di circa 150-170 centimetri offre una protezione adeguata a salvaguardarli".

Il muflone del Giglio, secondo questi agricoltori ormai farebbe parte della natura dell'isola e ne rappresenterebbe l'anima più arcaica.

"Quale dovrebbe essere la finalità principale dell'esistenza di un parco nazionale? - chiedono dal Caart -  Non dovrebbe essere quella di salvaguardare e proteggere flora e fauna locali, aumentare la sensibilità e l'empatia verso il nostro patrimonio di biodiversità, una natura di cui noi esseri umani non siamo i beneficiari, i fruitori senza rispetto e responsabilità, ma ne siamo parte? Ma forse ci sbagliamo e la finalità è un'altra?"

"Chiediamo allora  proseguono dal Caart - quale sia, anche perché siamo cittadini consapevoli e sappiamo che gli animali sono "patrimonio dello Stato" a maggior ragione in una zona che dovrebbe proteggerli. Il progetto Life Lets Go Giglio ha avviato l'eradicazione del muflone dall'isola del Giglio e dall' Elba, perché gli amministratori dell'Ente Parco hanno considerato il muflone specie alloctona, ma non lo è in quanto proviene dalla Sardegna e dunque può essere considerata a pieno titolo "specie parautoctona".

"Allora chiediamo ancora una volta: perché decidere di eradicare il muflone dal parco usando i fondi europei di oltre un milione e mezzo di Euro? - proseguono dal Caart - Eradicare, cioè uccidere tutti i mufloni sparando loro crudelmente dovrebbe essere "l'ultima ratio ", l'ultima soluzione dopo aver tentato ogni altra via ecologica, cioè non violenta, come raccomanda la legge. A quanto pare nel caso dei danni da mufloni è sufficiente una recinzione utile anche per contenere i conigli selvatici. Non vorremmo che dopo i mufloni la stessa sorte toccasse ai conigli." 

Secondo il Caart "L'Ente Parco potrebbe nel caso aiutare economicamente gli agricoltori che avessero necessità, attingendo a quei finanziamenti europei che potrebbero in questo caso avere davvero una utilità didattica: favorire la giusta convivenza fra l'uomo e gli animali (altra finalità e scopo dell'esistenza di un parco). Il Presidente Sammuri il 3 Marzo presenta con entusiasmo in un evento on line "Il ritorno della foca monaca nell'arcipelago toscano ". Tutti gli animali sono importanti, degni di protezione, di rispetto e considerazione. Forse la foca monaca entusiasma perché è rara? Magari se iniziasse a nutrirsi di troppi pesci diventerebbe nociva? E giustificherebbe la sua uccisione? E' giunto davvero il momento di cambiare questa mentalità antropocentrica che considera un animale solo per la sua utilità per l'uomo. Un animale è parte della natura esattamente come l'uomo è parte della natura.
Il Ministro della Transizione Ecologica Cingolani si è espresso sulla necessità di una visione globale dell'ambiente, una visione che non deve più considerare la natura solo riguardo all'utilità e ai bisogni umani".

"Un parco - dichiarano dal Caart - ha ragione di esistere soltanto se attua politiche che favoriscano la protezione di flora e fauna, se insegna la giusta convivenza fra uomini e animali presenti. Altrimenti il parco ha fallito nei suoi intenti e soprattutto mostra un'immagine sbagliata e negativa alle giovani generazioni, ai bambini che ancora guardano alla natura con occhio innocente e non viziato dagli interessi".

In allegato la relazione di Mariangela Corrieri, presidente di Gabbie Vuote, Membro del Caart, che sulla  "parautoctonia" del muflone e contesta, dati e leggi alla mano, le motivazioni addotte dagli organi del parco sulla necessità di eradicazione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità