Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:PORTOFERRAIO20°31°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden: «Oggi è un giorno triste, a rischio salute delle donne»

Attualità mercoledì 06 maggio 2020 ore 13:41

Ecoballe, “Burocrazia non può fermare il recupero”

Uno scatto durante le ricerche per individuare le ecoballe

Il sindaco e l’assessore all’Ambiente di Piombino: “Agli appelli nessuna risposta, ma la decomposizione delle ecoballe non concede altro tempo”



PIOMBINO — “Non possiamo permettere che un problema burocratico intralci le operazioni di recupero delle ecoballe, con tutte le conseguenze che ciò potrebbe comportare in termini ambientali e turistici”. Così il sindaco di Piombino Francesco Ferrari e Carla Bezzini, assessora all’Ambiente, tornano a parlare delle circa 40 ecoballe che dal 2015 giacciono sui fondali davanti alla costa piombinese e il cui avanzato stato di degrado sta minacciando l’ecosistema marino dell’intero arcipelago toscano. 

“Le tonnellate di microplastica versano in un avanzato stato di sfaldamento: il concreto rischio è che le reggette che tengono unite le balle cedano a causa della corrosione e rilascino tutti quei materiali in mare, causando un enorme danno ambientale e non solo. - ha proseguito Ferrari - Il problema sembra essere un intralcio burocratico: Aurelio Caligiore, Contrammiraglio della Guardia Costiera, è stato nominato commissario straordinario con decreto del Presidente della Repubblica e l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha contestato tale nomina sollevando il dubbio di un potenziale conflitto di interessi, essendo l'ammiraglio capo del Reparto ambientale delle Capitanerie di porto”. 

Il commissario in questi pochi mesi aveva già terminato il lavoro di localizzazione ed era prossimo alla pubblicazione del bando per la procedura di recupero, prevedendone la conclusione prima della stagione estiva.

“Mentre la burocrazia inchioda questo procedimento così importante per il nostro territorio, quelle tonnellate di plastica giacciono sul fondo del mare a decomporsi: - ha aggiunto - già alcune sono rimaste impigliate nelle reti dei pescatori o sono state spinte a riva dalle mareggiate. Ogni volta, queste microplastiche eterogenee hanno disegnato un'inquietante striscia colorata sulla spiaggia, per decine e decine di metri, lasciando presagire il disastro ambientale che deriverebbe dalla rottura di una sola di queste balle”

In conclusione: “I ripetuti appelli che abbiamo rivolto alle massime autorità non hanno avuto risposta, ma l'inesorabile processo di decomposizione di quel materiale inquinante non concede altro tempo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo aveva 91 anni ed era molto conosciuto per aver aperto il primo negozio di abbigliamento specializzato per bambini in città
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità