Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PORTOFERRAIO15°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nel bunker segreto dei droni: così gli ucraini li armano e li adattano per la guerra

Lavoro martedì 20 settembre 2022 ore 16:23

Sciopero portuali, va avanti e rigettate le accuse

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti: “I lavoratori portuali sono le vittime del sistema porto, che ha negli imprenditori gli unici responsabili”



LIVORNO — Le organizzazioni sindacali, con la proclamazione dello sciopero hanno messo a nudo tutte le criticità che dopo anni di denunce non hanno ricevuto le soluzioni necessarie.

“Dal 12 Settembre, primo giorno di sciopero, abbiamo ricevuto conferme delle responsabilità. - hanno spiegato i rappresentanti sindacali Giuseppe Gucciardo (Filt-Cgil), Dino Keszei (Fit-Cisl) e Gianluca Vianello (Uiltrasporti) - Cos’è successo in questi giorni di sciopero e trattative? I rappresentanti degli imprenditori portuali livornesi hanno dichiarato al tavolo che è stato un errore permettere l’acquisizione di quote societarie agli armatori e di non avere nessun potere contrattuale nei loro confronti; le imprese portuali hanno chiesto l’adeguamento tariffario pena la tenuta stessa delle aziende; è stato riconosciuto oltretutto dall’AdSP un uso distorto del Ccnl unico dei lavoratori dei porti in materia di sicurezza e abuso dello straordinario. Su richiesta delle segreterie, - hanno proseguito - hanno accordato 30 stabilizzazioni, per due terzi nei soggetti economici più deboli, che senza garanzie delle risorse economiche necessarie aggravano ulteriormente la crisi portuale. Questa valutazione arriva dopo che, il 14 settembre, l’AdSP e gli imprenditori, avevano dato per certo un confronto nella giornata del 19 settembre con i rappresentanti degli armatori, per ridefinire un regime tariffario che garantisse una redistribuzione di ricchezza, dichiarazione sconfessata il 19 settembre. Pertanto, rigettiamo ogni accusa”. 

“I lavoratori portuali - hanno commentato i sindacati - sono le vittime del sistema porto, che ha negli imprenditori gli unici responsabili. La dimostrazione ne è il dato sulla produttività del porto di Livorno (Piano dell’Organico Porto 2021-2023) che è in linea con tutti i porti europei. I portuali hanno fatto il loro dovere. Adesso è il momento che coloro che hanno causato questo disastro pongono rimedi, invece di addossare le responsabilità ai lavoratori. Queste sono le ragioni che hanno costretto le segreterie a proseguire lo sciopero”.

A partire dalla mezzanotte di mercoledì 21 Settembre fino alle ore 23.59 di giovedì 22 Settembre è in programma lo sciopero di 48 ore dei lavoratori del sistema portuale livornese (Livorno, Piombino, Elba). Già dalle prime ore di mercoledì i lavoratori del porto di Livorno effettueranno dei presìdi davanti ai varchi Valessini, Galvani e terminal Darsena Toscana.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Puntuale, come ogni domenica, il cinghiale scende in parse per cercare cibo e così placare la sua fame
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità