QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°27° 
Domani 26°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 agosto 2019

Attualità venerdì 26 aprile 2019 ore 15:42

Piombino e San Vincenzo nella Toscana da bere

Foto di repertorio

Nel libro di Bellanca e Gemelli la top 70 dei migliori cocktail della Toscana. La selezione della provincia di Livorno



FIRENZE — Ci sono anche i cocktail bar del Bellavista di Piombino e del Paradisino Beach Club a San Vincenzo nella top 70 racchiusa nel libro Toscana da bere, di Federico Bellanca e Marco Gemelli, edito da Il Forchettiere. 

La provincia di Livorno si fa riconoscere anche per il Baracchina Bianca, il Makutu Tiki Bar e lo Sketch a Livorno, il Dai Dai Bistrot a Castiglioncello e il Land’ho a Rosignano, oltre al concorso Elba Drink che si tiene in autunno a Portoferraio e al liquorificio artigianale Il Re dei Re.

Non si tratta di una guida tour court, ma un progetto che vuole offrire una fotografia dello stato della mixology contemporanea in Toscana, a partire dai 70 migliori cocktail bar, in un racconto che oscilla tra i palazzi rinascimentali in centro a Firenze e le cantine del sale medicee del porto di Livorno, fino alle stalle papali di Pienza. Una pubblicazione che arriva nell’anno del centenario del Negroni e in un momento di profonda espansione del settore. “Un viaggio - hanno spiegato Bellanca e Gemelli - dove storie, luoghi e personaggi si mischiano come gli ingredienti di un buon cocktail in un bicchiere”.

Nelle pagine di “Toscana da Bere” non mancano le storie imprenditoriali delle piccole e grandi aziende made in Tuscany legate alle materie prime: c’è la “signora della grappa” di Paganico in provincia di Grosseto e il militare livornese che nel deserto afghano ebbe l’intuizione di produrre liquori allo zafferano, ci sono i due giovani produttori fiorentini di vodka alla canapa e l’ideatore dell’unico rum toscano sulla costa, nonché l’imprenditore pratese che ha riesumato liquori perduti o quelli che, da Massa a Firenze, hanno rinnovano amari d’antica tradizione come il vermouth, la china o il Ronchi Pichi.

Dopo il lancio a Firenze, “Toscana da Bere” sarà in tour nei cocktail bar di tutte le province.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità