Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PORTOFERRAIO15°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nel bunker segreto dei droni: così gli ucraini li armano e li adattano per la guerra

Attualità martedì 04 giugno 2013 ore 16:45

SP 26, la provincia "Indagini necessarie per pianificare gli interventi"



RIO MARINA - La situazione è complessa ma la provincia sta esaminando attentamente il caso. E' questo in sintesi i messaggio lanciato dalla provincia di Livorno con il comunicato inviato oggi alla stampa sulla questione della Sp 26. Sono state effettuate indagini e analisi sia superficiali che in profondità - spiegano dall'ente livornese - volte a raccogliere il maggior numero di informazioni possibile, al fine di pianificare gli interventi di messa in sicurezza e ottimizzare le risorse. Le indagini sismiche - precisa la provincia - sono indispensabili per il deposito delle opere al Genio Civile, cosa dalla quale ovviamente l’Amministrazione Provinciale non può prescindere.Per la messa in sicurezza, inoltre, essendo il tratto soggetto a questo fenomeno particolarmente esteso (superiore a 350 m), le risorse necessarie sarebbero ben altre ma, grazie alle indagini svolte, si è operato una progettazione che intervenisse e ponesse in sicurezza la zona che attualmente risulta maggiormente soggetta a nuovi episodi.È altresì ovvio che la situazione in atto richieda ulteriori approfondimenti volti, contrariamente a quello che si sostiene, ad ottimizzare le risorse e non a impoverirle.Occorre avere sempre presente, è bene ricordarlo, che si ha a che fare con fenomeni localizzati e difficilmente individuabili proprio per la particolare natura del sottosuolo (l’ultimo sprofondamento ha dimensioni in pianta molto ridotte, inferiori a 2 m di diametro).Soluzioni che prevedano il rifacimento dell’intero tratto della sede stradale con impalcati, jet gruotin, o altro sarebbero, oltre che molto costose, anche onerose dal punto di vista dei tempi di intervento.Non è escluso che si debba arrivare a tali interventi, ma, proprio per l’esiguità delle risorse l’Ente Pubblico ha il dovere di verificare la possibilità di ricorrere a soluzioni meno onerose: è questo il senso delle indagini e degli ulteriori approfondimenti.Inoltre, a giudizio dei tecnici interpellati, è completamente fuori luogo il trasferimento dei carichi in profondità, proprio laddove si sviluppano la maggior parte delle cavità. Anche l’affermazione circa la possibilità di “eseguire i pali decidendone la profondità durante la loro esecuzione”, è di fatto del tutto contraria alla corretta gestione e pianificazione di un appalto, per il quale esistono regole di definizione che devono sempre essere rispettate.Si specifica, infine, che al momento, logicamente, non è stato effettuato nessun getto di cemento all’interno delle cavità, né si prevede di farlo, proprio perché questo sarebbe molto dispendioso e, fondamentalmente, inutile; gli unici getti effettuati sono proprio quelli che costituiscono l’impalcato che scavalca la voragine verificatasi a gennaio scorso, mentre altri possibili getti saranno volti esclusivamente al consolidamento dei riempimenti superficiali, evitando qualsiasi interferenza con le falde individuate (proprio grazie alle indagini) nella zona di intervento. Come concordato con il sindaco di Rio Marina, - conclude il comunicato della provincia di Livorno - la campagna di rilevazioni georadar inizierà il prossimo giovedi. Se gli esiti saranno positivi dall’inizio della prossima settimana sarà possibile fornire informazioni più precise in merito alla riapertura della strada".

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Puntuale, come ogni domenica, il cinghiale scende in parse per cercare cibo e così placare la sua fame
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità