Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:34 METEO:PORTOFERRAIO18°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Joe Biden: «Donald Trump è un dittatore, vuole vendetta»

Attualità venerdì 20 febbraio 2015 ore 18:03

Segnini sull'asilo: "Ma quale equità sociale?"

Il capogruppo consiliare di Nuovo progetto per Campo attacca il sindaco sulla questione asili: "Si potevano usare meglio le risorse economiche"



CAMPO NELL'ELBA — Il gruppo consiliare NPC, in un articolato comunicato stampa, replica al sindaco Lambardi sui finanziamenti alla scuola d'infanzia Battaglini.

"Anche questo gruppo consiliare condivide, in linea di principio, l'idea che le Amministrazioni locali devono soprattutto, se non esclusivamente, sostenere la scuola pubblica e, solo in via residuale, quella “privata”. Tuttavia, ciò vale in contesti dove esistono entrambe le offerte e la scelta di iscrivere i propri figli alla scuola “privata” deriva da desideri personali.

Ma questo non è il caso del nostro Comune. Infatti, l'offerta pubblica non ha le dimensioni per soddisfare l'intera domanda. In tale contesto, la scuola paritaria Battaglini, ha sempre rappresentato una soluzione al problema di assicurare l'istruzione a tutti. Quest'anno il Comune, temendo una probabile contrazione delle iscrizioni scolastiche alla prima classe della materna di San Piero, la quale avrebbe potuto determinare la contrazione di un ulteriore servizio in quel paese, ha tentato di creare incentivi alle famiglie ad iscrivere i propri figli alla scuola di San Piero.

Esiste certamente un nesso tra la riduzione temuta dei servizi della scuola statale e la possibile contrazione della vita della frazione. Le precedenti amministrazioni del Comune hanno permesso o non impedito la contrazione dei servizi nelle frazioni (si pensi ad esempio alla chiusura delle scuole elementari) ed allo stesso tempo hanno parallelamente creato le condizioni per un forte incremento di abitazioni a Marina di Campo (soprattutto PEEP). Il trasferimento degli abitanti dalle frazioni a Marina di Campo è stato conseguente.

La nostra Amministrazione, ha invece cercato di fermare tale processo creando nuovi interessi nelle frazioni. In particolare è stato realizzato a San Piero il Museo Mineralogico, ha ottenuto la istituzione della sede di una farmacia in San Piero (in questi giorni a bando per essere affidata) ed ha evitato la chiusura dell'ufficio postale di San Piero. Infine è stato impedito il completamento dei PEEP di Campo. Certamente si tratta di provvedimenti non risolutivi, ma sicuramente utili.

Tornando alla questione asili, occorre precisare che il sindaco Lambardi non ha tenuto conto che il problema della continuità della scuola materna di San Piero ed il soddisfacimento del totale delle richieste di iscrizioni all'asilo sono da molti anni tra loro legati e sono sempre stati risolti attraverso il confronto tra gli attori principali e cioè Comune, Istituto Comprensivo e paritaria Battaglini.

Invece il Sindaco Lambardi è intervenuto da una parte rafforzando i benefit a chi si iscrive a San Piero e dall'altra riducendo i contributi alla paritaria di Marina di Campo. La visione della questione che sembra avere l’Amministrazione Lambardi è così riassumibile: la Scuola da salvare è solo la pubblica, la Battaglini è un’istituzione privata che rappresenta un optional sul territorio in quanto frequentata da benestanti che possono e, cosa ancora più assurda, che “devono” pagare una consistente retta. 

In linea con tale errata visione, l’amministrazione Lambardi ha inoltre previsto interventi sui meno abbienti a titolo di contributi sulle rette della Battaglini. Tale misura è stata poi venduta alla popolazione come “equità sociale”. Contemporaneamente sono stati ridotti i prezzi dei servizi comunali (mensa) a carico delle famiglie dei bambini iscritti a San Piero. Tuttavia, mentre i contributi concessi alle famiglie per il pagamento delle rette della Battaglini sono distinti in funzione dell’ISEE, quelli concessi sui servizi comunali per chi frequenta la scuola pubblica vengono concessi in modo identico per tutti senza tener conto dell’ISEE. Ci sembra che questa non è “equità sociale”.
Tale decisione ha di fatto generato forti tensioni, fortunatamente non di tipo sociale, ma territoriali.

Non era certamente questo che voleva la popolazione, né tanto meno lo volevano le mamme della paritaria che, con la loro legittima richiesta di cambiamento della decisione presa dal Comune, hanno chiaramente scritto che si attendevano soluzioni non di conflitto ma di condivisione.

Come detto, la nuova Amministrazione sostiene che la scelta di ridurre il contributo comunale a favore della scuola per l’infanzia Battaglini sia dettata da “equità sociale”.

Troviamo curioso che l’aumento indiscriminato delle imposte comunali (TASI-TARI), le quali porteranno nelle casse del comune un gettito di ben 400mila euro superiore alle necessità dell'anno scorso ed il contemporaneo taglio ai servizi in favore dei cittadini, possa essere definito “equità sociale”.

Prima di ridurre i finanziamenti, l’Amministrazione avrebbe potuto lavorare per offrire un’alternativa pubblica a quella paritaria che potesse accogliere tutti i bambini. Ciò poteva essere fatto magari impiegando diversamente le risorse previste dalla delibera di giunta del 23.01.2015 per la futura realizzazione di un parcheggio/parco pubblico del valore di ben 650mila euro nella zona dello “Stagno”, località, come suggerisce il nome, soggetta a pericolosità idraulica molto elevata e di cui, vista la recente alluvione, non se ne percepisce l’utilità.

Infine, a breve saranno noti i numeri delle iscrizioni delle due scuole. Questo gruppo consiliare, ritiene che, una volta conosciute le scelte delle famiglie, possa esservi l’occasione di fare quello che non è stato fatto in origine: parlare, confrontarsi e trovare soluzioni che consentano di evitare contrazioni ai servizi pubblici e parallelamente assicurare sostegno alla paritaria. Come detto, le iscrizioni saranno l'indicatore certo di quelle che sono le attese dei cittadini del nostro Comune e sarà necessario, in quel momento, cercare di venire incontro alle necessità delle famiglie".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'ambulanza era parcheggiata ed è stata presa in pieno da un'auto parcheggiata proprio sotto la sede dei carabinieri in centro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Elezioni