Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:25 METEO:PORTOFERRAIO23°27°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 15 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, trivella di 10 metri cade e squarcia la finestra di un palazzo

Attualità venerdì 07 novembre 2014 ore 07:00

​Qualcosa è andato via con l'acqua..

Sono passati tre anni ma il ricordo di quello che è successo è ancora scolpito nella memoria di un paese che non può dimenticare e, forse, fa bene



CAMPO NELL'ELBA — Si dice che quando una parte del corpo ti viene portata via, anche a distanza di tempo si ha come l'impressione che sia lì. Che tu riesca a sentirla. Si chiama “fantasma sensoriale”. A Campo, quella mattina di tre anni fa, qualcosa è stato portato via e quell'evento traumatico è ancora lì. Un fantasma della memoria. Memoria individuale che si fa collettiva quando basta uno sguardo per capirsi. Te ne accorgi ascoltando i silenzi dei campesi quando cominci a parlare di quel sette novembre. I toni di voce cambiano, lo sguardo si allenta appena qualche secondo. È lì che le immagini sono conservate e da lì, difficilmente se ne andranno. Ognuno ha la sua storia e quella storia è sempre, ancora, ricca di particolari. Ogni campese sa cosa stava facendo quella mattina, cosa aveva mangiato a colazione, a che livello esatto è arrivata l'acqua quando ha deciso che doveva entrare e non c'è stato verso di fermarla. Ogni campese ricorda la sensazione di non poter fare nulla e vedere il proprio paese sommerso, devastato da una furia troppo più grande. Dopo c'è stato il resto: la ricostruzione, il fango ai gomiti e quel bicchiere caldo portato da un viso sconosciuto e spesso così giovane. Dopo c'è stato da rimettersi in piedi, contare i danni e ricostruire. Come si può, perché si deve. La grandezza di quello che era successo ha fatto sentire un intero piccolo paese ancora più piccolo ma questo ha portato le persone che lo abitano a stringersi di più. Vuol dire poco, perché poi passa ma, a volte, è abbastanza per farlo passare. Le storie di quel giorno, di quella mattina nella quale l'acqua veniva giù dalla parte sbagliata, si raccontano ancora. L'un con l'altro, anche se le hai già sentite e le hai viste quelle cose perché c'eri. Ascolti e racconti la tua, di nuovo. Perchè bisogna ricordare e fare in modo che un paese intero non dimentichi. E il fantasma di quel giorno continua a galleggiare.

(Ringraziamo Giorgio Giusti per il materiale fotografico) 

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Fra gli ospiti che hanno deciso di trascorrere le vacanze estive all'Elba ci sarebbe anche il noto virologo che ha rilasciato una dichiarazione
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

CORONAVIRUS