QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 28°31° 
Domani 27°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 16 agosto 2018

Politica mercoledì 18 luglio 2018 ore 14:57

PD Elba: "No alla tassa di imbarco"

immagini di repertorio

Il coordinamento elbano del partito: "Contrari a nuovi balzelli, Elba e Piombino lavorino insieme al miglioramento dei collegamenti"



PORTOFERRAIO — "No a nuove tasse, ma Piombino e l'Elba collaborino per migliorare i collegamenti e il rapporto con la nuova autorità portuale". Questo in sintesi il senso di un documento del PD dell'Isola d'Elba sulla questione politica più dibattuta degli ultimi giorni.

"Abbiamo letto con molta attenzione - si legge nel documento del PD -  le rivendicazioni del Sindaco di Piombino per quella che lui stesso ha definito “tassa di imbarco”. Ovvero una nuova tassa da aggiungere al costo del passaggio nave per ripagare la città di Piombino dei disagi che, a suo avviso, soffrirebbe durante il periodo estivo. E della quale Giuliani avrebbe già informato il ministro (!).

Ovvia e prevedibile la risposta dei Sindaci elbani che si sono preoccupati solamente di respingere oltre canale il nemico di sempre invece di alzare l’asticella del confronto sulle questioni aperte e su cui Piombino e l’Elba devono (o dovrebbero!) collaborare da decenni.

“Nessuno tocchi la nostra preziosa tassa di sbarco”, sembravano ripetere.

Come Partito Democratico dell’Isola d’Elba siamo assolutamente contrari all’istituzione di nuovi balzelli che rischierebbero di penalizzare ulteriormente i flussi turistici verso l’Elba, nella convinzione, tra l’altro, che Piombino, soprattutto nel suo percorso di riconversione post industriale, stia beneficiando enormemente della vicinanza della nostra isola e delle centinaia di migliaia di persone che la raggiungono durante il periodo estivo.

La sfida, semmai, è costruire un sistema di alleanze territoriali che guardi al trasporto ferroviario Campiglia – Piombino sempre più in difficoltà, allo sblocco definitivo della 398, a un nuovo e autorevole rapporto con l’autorità di sistema che gestisce i nostri porti, all’offerta crocieristica non in concorrenza ma in sinergia e all’avanguardia. In questo sì, Piombino dovrebbe fare la voce grossa  - conclude la nota del PD elbano - facendo valere il proprio peso politico e porsi alla guida di un percorso condiviso, non nella recriminazione di nuove imposte a danno dei nostri (di tutti) ospiti".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca