Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gilda Sportiello, deputata 5stelle alla Camera: «Ho abortito e non me ne vergogno»

Attualità martedì 22 dicembre 2015 ore 19:17

L'ufficio della Provincia passa alla Regione

Dal 1 gennaio chi si recherà negli uffici della Provincia che si occupa di viabilità e formazione, di agricoltura o caccia e pesca avrà una sorpresa



PORTOFERRAIO — Non saranno più uffici della Provincia, ma della Regione. Anche il distaccamento di Portoferraio rientra infatti nella riforma regionale che ridistribuisce le competenze fra i vari enti e dal primo gennaio se ne vedrà anche l'effetto concreto sul territorio. In più casi rimarranno lì dove erano fino al 31 dicembre: cambierà la targhetta all'ingresso, con il Pegaso.

Alcune sedi diventeranno proprietà della Regione a tutti gli effetti. Altre saranno cedute dalle Province in comodato gratuito. Per altre ancora ci sarà una locazione da pagare, oltre naturalmente alle spese di gestione. Nella provincia di Livorno il cambiamento riguarda: Ufficio territoriale RT - Livorno 1 - Via Galilei, 40 (Complesso A. Gherardesca) Formazione, Osservatorio sociale, AIB, Aree protette, Ambiente, Viabilità, Caccia e pesca, Agricoltura, Difesa del suolo, Ufficio territoriale RT - Elba (via Manzoni 11, Portoferraio) Agricoltura, Ufficio territoriale RT – Livorno 2 (via degli Asili) Sala operativa

"Una Regione più presente nei territori, che avrà più contatti diretti con i cittadini - si legge in una nota diffusa nella mattinata di oggi - più vicina, anche fisicamente, agli abitanti di ogni parte della Toscana. La Regione erediterà anche parte degli uffici di quelle città - stanze e dipendenti, un migliaio dei quattromila (o poco meno) che vi lavorano oggi – e gestirà, fino almeno al 2018 in attesa dell'approvazione della riforma costituzionale, anche i centri per l'impiego con i loro sessanta sportelli e mille operatori, tra interni e esterni, sparsi sui territori.

Formazione, agricoltura e difesa del suolo sono tra le competenze di cui la Regione tornerà ad occuparsi direttamente. Si occuperà anche di caccia e pesca. Avrà competenze in materia di rifiuti, difesa del suolo, tutela della qualità dell'aria e delle acqua. Si occuperà ancora di inquinamento acustico ed energia, dell'osservatorio sociale e delle autorizzazioni come Aia, Vas, Via e Aia, delle aree protette e, in parte, delle sale dei centri operativi antincendio boschivo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ruggero Barbetti, già sindaco e vicesindaco di Capoliveri, interviene per fare chiarezza sulle vicende giudiziarie in corso sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Sport