comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 26°27° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 agosto 2020
corriere tv
Salvini: «Se quello che si dice dei verbali Cts fosse vero, Conte andrebbe arrestato»

Politica giovedì 09 febbraio 2017 ore 10:29

Attacco alla giunta sul PEEP

I consiglieri comunali del PD ricostruiscono la vicenda di Val di Denari e scrivono al sindaco Ferrari annunciando battaglia in consiglio



PORTOFERRAIO — "Siamo costretti, a distanza di mesi da una nostra precedente mozione, a ritornare sulla vicenda dell’anomala attuazione del PEEP ambito 28".

I consiglieri comunali di minoranza PD intervengono sulla vicenda Val di Denari che recentemente ha visto scontrarsi Legambiente e l'attuale amministrazione comunale.

"Leggendo il vigente regolamento urbanistico di Portoferraio e confrontandolo con gli atti della giunta Ferrari, non ci si raccapezza più: appare assolutamente chiaro che il PEEP vada realizzato e che vadano fornite risposte alle famiglie in attesa della loro prima abitazione. 

Quello che non è tollerabile sono le modalità che ha voluto seguire la sua amministrazione, di fatto stravolgendo le regole dettate dal piano approvato dal consiglio comunale nel 2009". 

"Il primo aspetto da rilevare - scrivono i consiglieri nel loro intervento - è che, nel PEEP approvato dall’amministrazione Peria, la cooperativa assegnataria avrebbe dovuto presentare un progetto unitario delle urbanizzazioni da realizzare, in modo tale da rendere autonomi e funzionali i nuovi comparti, senza gravare su quelli vecchi e sulle vecchie viabilità. 

Le opere di urbanizzazione, oggetto di convenzione fra Comune e società Val di Denari, stesse furono poi validate dal tecnico comunale, Mauro Parigi: realizzazione di parcheggio pubblico e relativi accessi, sistemazione del verde pubblico, realizzazione impianti e condotte di acquedotto e fognari, realizzazione di strada di accesso al lotto".

Nella convenzione però, vi è, secondo l'opposizione, anche la prima sorpresa: "Il progetto delle opere di urbanizzazione originario, è stato modificato ed aggiornato a seguito di necessità dello stralcio  funzionale. Come dire: la precedente amministrazione per le urbanizzazioni e per le costruzioni aveva immaginato un disegno unitario e non uno spezzatino, la nuova giunta lo ha fatto completamente saltare. 

La stessa logica si è seguito per il secondo lotto in costruzione. Accadono, quindi, oggi, situazioni paradossali e normativamente impossibili: la strada di accesso prevista nel piano non viene realizzata e ne viene creata una provvisoria di cantiere, dal lato opposto del PEEP, che ha comportato, di fatto, una pesante devastazione del territorio interessato, un ulteriore danneggiamento della strada e del ponticello di Val di Denari e l’incredibile tombatura di un fosso di scolo delle acque meteoriche, già censito nelle mappe del catasto leopoldino. 

Tutto questo perché? Probabilmente perché, contravvenendo al piano particellare di esproprio contenuto nel PEEP, il dirigente responsabile non ha ancora effettuato i necessari espropri. Ed allora si va avanti con assurdi frazionamenti in lotti, non si realizzano le opere di urbanizzazione, non si conclude il procedimento di assegnazione dei comparti, non si scorrono le graduatorie della gara, creando un inestricabile pasticcio tecnico, amministrativo e contabile insieme".

"Un pasticcio - si legge nella lettera inviata al sindaco Ferrari - nel quale si provoca un evidente danno al comune, perché le case si costruiscono, ma le opere di urbanizzazione, che vanno a vantaggio di tutti i cittadini, no. Tutto quello che l’amministrazione Ferrari ha fatto non si poteva effettuare, lo dicono la legge nazionale e regionale, il piano ed il regolamento PEEP del comune, di cui si è fatto incredibilmente carta straccia. 

E di tutto questo la responsabilità non è tanto di chi attua gli interventi, ma di chi non ha fatto rispettare le regole, di chi non è riuscito a prevenire difformità edilizie nel posizionamento dei fabbricati del primo lotto ed anzi le ha tranquillamente sanate, di chi ha consentito che le abitazioni venissero costruite senza aver realizzato le necessarie urbanizzazioni, di chi ha permesso che si continuasse ad utilizzare la vecchia strada del Consorzio Val di Denari, provocando alla stessa un evidente e conclamato danno e con ciò danneggiando tutti i cittadini membri del Consorzio". 

I consiglieri concludono annunciando una mozione in consiglio comunale e commentano: "Come consiglieri non possiamo che essere sbigottiti dall’incredibile confusione amministrativa che avete creato e totalmente contrari a questa ipotesi d’intervento, che contraddice, baypassandolo, lo storico indirizzo del consiglio comunale e la logica sociale del PEEP". 



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Elezioni 2020

Politica