Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:36 METEO:PORTOFERRAIO12°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, ecco il drive-in dove voteranno i contagiati Covid

Attualità venerdì 15 luglio 2016 ore 11:52

Effetto Bolkestein, i balneari chiedono certezze

Fabrizio Lotti, presidente regionale balneari di Confesercenti commenta la sentenza della Corte Europea: "Stiamo giocando una partita senza regole"



PIOMBINO — Esito previsto e prevedibile quello della sentenza della Corte di Giustizia Europea che certifica come illegittima la proroga automatica delle concessioni demaniali. Ma non per questo meno importante per i balneari toscani che ora chiedono a gran voce una legge che ponga regole certe sulla sopravvivenza dei quasi mille stabilimenti nella regione.

"In questo momento è come essere scesi in campo a giocare una partita senza conoscere le regole, non sappiamo cosa succederà" afferma Fabrizio Lotti, presidente regionale balneari di Confesercenti che chiama in causa direttamente il governo: "Abbiamo bisogno di una legge organica e coerente sulla questione, questa incertezza ha già determinato un danno economico alle imprese dell'indotto balneare i cui ricavi sono scesi del 60%, una legge che attendiamo dal '43".

"Quella balneare - continua Lotti - è una delle eccellenze italiane. Dal 2006 a ora gli imprenditori balneari hanno via via investito di meno. Una cosa importante che la Corte europea ci dice è che il governo deve fare un censimento particolareggiato delle nostre 7.500 coste per valutare le risorse disponibili da mettere a concessione, ma fino ad oggi non è stato ancora fatto in maniera accurata".

Il cuore del problema riguarda le vecchie concessioni, la maggior parte delle quali sono scadute o a scadenza e che in questo momento si trovano in un regime di prorogatio. Al centro della questione c'è la valutazione degli investimenti fatti e il diritto, in caso di perdita dello stabilimento in seguito alla gara pubblica, a un risarcimento: "Chi ha fatto un investimento per trent'anni sulla base della certezza di poter rientrare della spesa, e che magari ha acceso un mutuo, deve essere tutelato, per questo avevamo promosso il doppio binario".

Un'impostazione accolta dalla legge regionale che però è stata impugnata davanti alla Corte Costituzionale dallo stesso governo: "La legge regionale ci diceva che potevamo avere un indennizzo del 90% certificata da una perizia giurata di un tecnico, il governo con il ministro Costa l'ha impugnata e ora la Corte Europea ci dice che l'indennizzo è valido per il nostro lecito affidamento".

"Quasi tutte vanno a scadenza, per fortuna c'è l'emendamento di Sergio Pizzolante e Tiziano Arlotti al decreto legge Enti locali che ci da un po' di tempo nelle more della legge di riforma".

Ora i balneari si rivolgeranno direttamente a Roma senza passare per Firenze: "Dobbiamo chiedere una concertazione sulla materia. Il percorso fatto con la giunta regionale è stato produttivo e aveva permesso di salvaguardare 374 domande su 950 stabilimenti. Ora il governo deve cogliere l'occasione per darci un congruo periodo transitorio e poter salvare tante famiglie per bene e imprenditori seri che ogni mattina si svegliano per portare avanti imprese che sono una delle poche eccellenze in Italia".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato è riferito ai tamponi molecolari effettuati ieri dall'Asl. Nuovi casi positivi sono stati rilevati in tutti i sette Comuni elbani
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità