Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nave da crociera in fase di ormeggio finisce contro la banchina in Turchia

Attualità mercoledì 30 settembre 2015 ore 15:34

Migranti all'Elba, la prefettura ci sta pensando

Il vertice in prefettura si conclude con una posizione possibilista ma i sindaci mantengono la posizione del no. Barbetti: "Pronti a dimetterci"



PORTOFERRAIO — Al termine del lungo vertice che si è tenuto questa mattina in prefettura non si può parlare di scontro ma è lecito registrare un'apertura finora ufficialmente negata.

In sostanza l'occhio del prefetto Tiziana Costantino si è posata sull'Elba e difficilmente l'isola potrà continuare a non fare la sua parte nell'accoglienza di profughi e migranti insieme al resto della regione. Una consapevolezza emersa nelle dichiarazioni che i primi cittadini hanno rilasciato alla stampa al termine dell'incontro anche se il fronte più oltranzista, capeggiato dal sindaco di Capoliveri Barbetti, tiene alte le barricate.

"E' stato un vertice molto importante - commenta il prefetto Costantino - ho sempre cercato di mantenere un dialogo aperto con i sindaci. Finora abbiamo tenuto l'Elba fuori da questa distribuzione perchè ci sembrava giusto prima saturare il territorio provinciale a causa dei problemi che derivano dall'insularità ma i flussi dei migranti sono in aumento, questo è un primo momento di riflessione e ne seguiranno altri.

Non siamo sul no - ci tiene a precisare - si è aperto un confronto che continuerà per poi arrivare alle decisioni finali. Noi ci regoliamo in base alle necessità di distribuzione sul territorio dei migranti, non c'è un calendario predefinito".

Il prefetto livornese ha poi commentato gli altri due profili emersi: l'opzione Pianosa e la possibilità di accoglienza da parte di cittadini privati: "Pianosa richiede un confronto più ampio con altre istituzioni mentre per la parte che possono fare i privati le prenderemo in considerazione come stiamo facendo dappertutto".

 Dichiarazioni che lasciano intendere in maniera abbastanza netta come anche l'Elba, una volta passata la stagione turistica, sarà considerata come territorio disponibile a ricevere una quota di migranti.

Il punto che è emerso durante la discussione con i sindaci è anche formale: la prefettura opera su incarico del ministero dell'Interno e stipula convenzioni con strutture di accoglienza che possono essere pubbliche quanto private. Chiarito che nessun comune elbano ha a disposizione immobili comunali sfitti da poter offrire il fronte si apre sui privati e se un albergatore, o un cittadino, vorrà mettere a disposizione una struttura adatta, i sindaci poco potranno fare per intervenire.

SI tratta di un'ipotesi di scontro lontana da quella attuale ma la visita del prefetto ha avuto proprio lo scopo di far procedere insieme le istituzioni senza arrivare al fatto compiuto.

Le posizioni dei sindaci sono univoche per il presente, nessuno ha al momento fatto un'apertura diretta a causa della suddetta mancanza di spazi abitativi, ma per il futuro prossimo si registrano diverse sfumature.

Se infatti è deciso il no di Barbetti: "Dal problema sicurezza al disagio che già c'è fra i nostri cittadini, tutto ci fa dire di no. Da parte nostra dobbiamo restare uniti e - scrive poco dopo sulla sua pagina Facebook - essere pronti a rassegnare le dimissioni se ci impongono questa cosa".

Più possibilista invece il sindaco di Marciana Marina Andrea Ciumei: "Il prefetto ha avuto la necessità di considerare l'Elba come parte del territorio della provincia. La nostra posizione è stata unita però quello che dovremo fare è riunirci fra di noi per considerare sia le opportunità che le difficoltà della questione per non trovarsi poi a dover subire il problema e poterlo governare".

All'altro capo dello spettro c'è Lorenzo Lambardi di Campo nell'Elba: "Questa era una riunione programmata. Questo è un tema nazionale e primo o poi dovrà essere affrontato anche all'Elba. L'ipotesi Pianosa è stata affrontata ma non è percorribile. 

Quello che deve essere chiaro e che ha chiarito lo stesso prefetto è che non è una questione che possiamo affrontare su base volontaria da parte dei sindaci: è il ministero dell'interno che decide su quelle che sono le potenzialità dei vari territori e stipula con i privati le convenzioni. Siamo di fronte a un'aumento dei flussi in arrivo e prima o poi una discussione franca su questo andrà fatta anche fra di noi".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Il prefetto Costantino

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un grupoo di amici ha creato un comitato per organizzare una giornata di sport e beneficenza in ricordo del giovane scomparso prematuramente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Attualità

Attualità