Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La motovedetta libica fa una manovra violenta e i migranti cadono in acqua

Attualità martedì 12 maggio 2015 ore 17:50

L'Usl ribatte: "Nessuna responsabilità dei medici"

L'azienda sanitaria risponde al sindaco Ferrari e difende l'operato dei propri medici nel caso dell'elbano colto da infarto in attesa della visita



PORTOFERRAIO — L'azienda sanitaria torna a difendere il proprio operato e quello dei medici che hanno preso parte alla vicenda del marinese colto da triplo infarto mentre era in attesa di una coronarografia che avrebbe potuto evitare gli attacchi.

La linea difensiva rimane quella della prima risposta: non si potevano prevedere gli attacchi e i medici gli hanno salvato la vita. Questa risposta arriva dopo una prima serie di scambi tra l'azienda stessa e il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari che ha annunciato di voler indagare per appurare eventuali responsabilità.

"In merito a quanto nuovamente riportato dalla stampa sul caso del Sig. R.L., l’Azienda USL 6 di Livorno tiene a precisare che:

- non esiste alcuna situazione di allarme nell’ambito della propria organizzazione per quanto riguarda l’assistenza rivolta alle malattie cardiovascolari: il riferimento a recenti episodi di cronaca è assolutamente improprio e fuorviante proprio per la specificità dei singoli casi, e non può costituire un metro di giudizio per valutare la bontà di una organizzazione che ogni giorno lavora, dati alla mano, con risultati assolutamente positivi.

- non ci sono elementi che possano richiamare responsabilità da parte dei Medici che sono intervenuti nel percorso assistenziale: la presentazione clinica è stata quella tipica di un’angina pectoris da sforzo stabile, per la quale era stata correttamente programmata una coronarografia in elezione; nelle settimane successive il quadro clinico non ha assunto quelle caratteristiche di instabilità per le quali sarebbe scattato il ricovero ed il trasferimento a Livorno in urgenza per eseguire la coronarografia.

- a fronte di un evento potenzialmente mortale quale l’arresto cardiaco, fortuitamente verificatosi all’interno della struttura ospedaliera di Portoferraio, la catena del soccorso ha funzionato perfettamente ed ha permesso di salvare la vita del paziente senza che abbia riportato danni: ciò a testimonianza dell’ottimo livello di capacità assistenziale presente nell’Ospedale di Portoferraio".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Controlli intensificati dei carabinieri sulle strade elbane nel fine settimana per garantire la sicurezza e la legalità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Attualità