Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:44 METEO:PORTOFERRAIO18°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Cronaca domenica 06 aprile 2014 ore 07:20

"Codice Rosa" e l'aiuto alle donne, l'incontro del Soroptimist

Il convegno del Soroptimist

Il progetto pilota è partito in Toscana e sarà seguito in tutta Italia per combattere la violenza di genere. Un punto "Codice Rosa" anche all'Elba



PORTOFERRAIO — "La violenza di genere uccide più della mafia". Un dato allarmante, un dato che è stato discusso nel corso dell'incontro pubblico organizzato sabato pomeriggio all'interno dello storico "Circolino" di Carpani dal Soroptimist Club Isola d'Elba con il presidente Franca Rosso, in collaborazione con il Soroptimist International e la vicepresidente e past president Francesca Calabrese De Feo e Flavia Pozzolini, l'Azienda Sanitaria Locale di Livorno, la responsabili del progetto Codice Rosa della Asl 9 di Grosseto Vittoria Doretti.

La violenza contro le donne, i maltrattamenti, l'intolleranza nei confronti del mondo femminile continuano a mietere oggi, come ieri, vittime.

Spesso i carnefici si nascondono fra le mura domestiche, sono colleghi di lavoro, di studio, oppure semplici condomini. 

Nella maggior parte dei casi è un forte legame con la vittima, derivante anche da rapporti affettivi interrotti, ma non solo, a condurre alla violenza. E le donne, quelle donne che subiscono minacce, abusi, percosse, intimidazioni, spesso si sentono sole, hanno paura di chiedere aiuto, provano vergogna, non sanno a chi rivolgersi e nei casi più estremi, perdono anche la vita.

Dal lavoro di chi nel Pronto soccorso ospedaliero ha riscontrato l'incremento costante di questi casi, dal lavoro delle Procure e degli uffici di assistenza sociale, che si sono dovuti attivare spesso quando era troppo tardi, o in casi difficili dove persino la vittima, non riusciva denunciare il proprio aguzzino, dal lavoro quotidiano fra la gente, quindi, è nato il progetto Codice Rosa. Sposato dalla Regione Toscana, sperimentato dalla Asl 9 di Grosseto, in primis, dove una donna medico ha avuto il merito di ideare questo percorso di aiuto e supporto alle vittime, Codice Rosa è un'idea che nasce nel nostro territorio regionale e che si sta diffondendo per aiutare dunque le donne vittime di abusi.

Un punto di Pronto Soccorso e un numero telefonico di riferimento, dedicato solo a loro, alle vittime della violenza di genere, sono il primo supporto, poi una rete di esperti, una task force, accompagna la donna nel suo percorso di aiuto.   

Un progetto che segna il suo avvio anche all'Isola d'Elba come ha spiegato il responsabile dell'U.f. servizi sociali Anna Garfagnini e che torva collocazione all'interno della struttura ospedaliera elbana.

E su Codice Rosa, un progetto a sostegno dei più deboli, c'è anche l'attenzione di Papa Francesco che proprio in questi giorni ha scritto un messaggio al sindaco della città di Grosseto Emilio Bonifazi, dove il progetto è in sperimentazione, un messaggio semplice ed inequivocabile che esprime tanto per coloro che lavorano  fra le gente e per la gente "Viva gratitudine e un saluto beneagurante". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un giovane è stato soccorso dai volontari della Pubblica Assistenza su un sentiero impervio e poi trasferito in elisoccorso fuori Elba
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Cronaca

Cronaca

Elezioni