Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:53 METEO:PORTOFERRAIO15°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo saluto a Luana, morta sul lavoro a 22 anni: applausi, palloncini e forte commozione

Politica venerdì 04 ottobre 2013 ore 08:15

L'europarlamentare Morganti (Eld) sulla siderurgia "La risposta alla crisi sono i dazi".



PIOMBINO - «La risposta alla crisi siderurgica sono i dazi. Sta al Governo farsi sentire in Europa per far prendere misure concrete per salvaguardare il settore». Sono queste le parole di Claudio Morganti, europarlamentare indipendente dell'Eld, in merito alla manifestazione di ieri a Piombino. «Sono solidale – afferma l'eurodeputato in una nota – con le diecimila persone che oggi hanno sfilato al corteo, chiedendo una risposta per il problema della Lucchini. La manifestazione dimostra l'importanza che il settore ha non solo per tutta la città di Piombino, ma anche per tutta la nostra regione». Secondo l'europarlamentare, la crisi che attraversa il settore siderurgico «è dovuta alla mancanza di competitività, frutto di una incapacità politica che non ha mai sviluppato un progetto serio per la difesa di uno dei principali settori industriali. Poi, le forti importazioni di acciaio dai Paesi stranieri hanno fatto il resto. Basti pensare che le importazioni dalla Turchia sono aumentate del 280%, dall'India del 176% e dalla Russia dell'89%. Non sono, però, solo gli Stati extra-Ue che impoveriscono il nostro Paese, ma anche quelli dell'Unione Europea, come per esempio i Paesi Bassi dai quali le importazioni sono aumentate del 400%. L'unica salvezza – evidenzia Morganti – è intervenire su queste importazioni, cercando di proteggere il nostro settore e far ripartire il mercato interno dell'acciaio. Anche le aziende americane negli anni passati hanno subìto una crisi nel settore della siderurgia, ma non hanno esitato a di mettere i dazi e le quote per difendere la produzione interna». Poi, Morganti sottolinea anche che «finché le aziende italiane di grosse dimensioni, come la Marcegaglia, si riforniranno dai turchi o da altri operatori extra-Ue, la nostra industria siderurgica non potrà avere alcun futuro. Se non si corre ai ripari nel più breve tempo possibile la situazione potrebbe diventare ancora più devastante in quanto i cinesi, i turchi e le grosse acciaierie dell'Ue acquisteranno ancora più quota sul nostro mercato». Infine, l'europarlamentare giudica grave che la manifestazione di oggi sia stata politicizzata. «È incredibile – termina – vedere che le stesse persone che hanno partecipato alla manifestazione, sventolando certe bandiere di partito, siano al contempo i maggiori responsabili della svendita delle nostre eccellenze industriali».
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS