Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Turisti feriscono due cuccioli d'orso per farsi un selfie

Attualità giovedì 16 luglio 2020 ore 14:30

Microplastiche, "alta concentrazione a Capraia"

plastica in mare
Foto di repertorio

Greenpeace ha diffuso i risultati di uno studio condotto nel Mar Tirreno nel 2019 da Cnr, Università di Genova e Università Politecnica delle Marche



ISOLA DI CAPRAIA — "Nelle acque marine superficiali del Mar Tirreno c’è una diffusa presenza di microplastiche, con concentrazioni elevate sia in aree fortemente impattate che in zone lontane da fonti inquinanti: è quanto emerge dallo studio realizzato con i ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche(CNR-IAS) di Genova e dell’Università Politecnica delle Marche durante il tour 'May Day Sos Plastica' del 2019". 

Lo riferisce Greenpeace in una nota in cui aggiunge: "Pubblichiamo i suoi risultati oggi, in occasione della partenza del nuovo tour 'Difendiamo il mare' 2020, durante il quale verificheremo l’evoluzione della situazione nel Tirreno dopo il lockdown e lo stato di salute generale del mare".

In base alla ricerca fatta realizzare da Greenpeace nel 2019, sono stati riscontrati picchi di contaminazione da microplastiche all'Isola di Capraia, Olbia e alla foce del Tevere.

"I risultati della nostra ricerca - si legge nella nota di Greenpeace - mostrano che nel tratto di mare investigato, come già evidenziato in varie zone del Mediterraneo (un bacino semi-chiuso con un limitato riciclo d’acqua che ne consente l’accumulo) la presenza di microplastiche è ubiquitaria. L’inquinamento da plastica non risparmia nemmeno aree potenzialmente poco impattate come Capraia, dove abbiamo trovato addirittura la concentrazione più alta, con oltre 300mila particelle per chilometro quadrato. Questo dato è coerente i risultati di altre ricerche scientifiche condotte nell’area dove, a causa di una circolazione anticiclonica nota come 'Capraia Gyre', può crearsi una zona di accumulo transitoria di microplastiche".

"La tipologia più frequente di microplastiche riscontrata - spiegano da Greenpeace - è rappresentata da frammenti, tra 1 e 3 millimetri e inferiori al millimetro, costituiti soprattutto dai polimeri in polietilene e polipropilene, ovvero le tipologie di plastica più usate".

L'invito di Greenpeace è quindi quello di eliminare il più possibili prodotti monouso che inevitabilmente si disperdono nell'ambiente e finiscono poi per danneggiare anche il mare.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Provincia di Livorno fa sapere che si sono concluse le operazioni di collaudo del tratto di strada che collega Rio Elba con Rio Marina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità