comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°28° 
Domani 23°37° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 08 agosto 2020
corriere tv
Migranti e rotta balcanica: ecco i confini sguarniti tra Italia e Slovenia dove ogni notte passano a piedi centinaia di invisibili

Attualità sabato 31 ottobre 2015 ore 09:47

Il Tar ha deciso: Toremar resta a Moby

La sezione regionale del Tar ha rigettato il ricorso di Toscana di Navigazione contro Moby spa per l'assegnazione delle quote di Toremar



FIRENZE — Niente da fare per Toscana di Navigazione: la prima sezione del Tribunale amministrativo regionale rigetta il ricorso che la compagnia marittima aveva presentato contro la decisione della Regione di assegnarle le quote di Toremar come indicato da una precedente sentenza del Consiglio di Stato. 

Infatti, nonostante l'indicazione del supremo giudice amministrativo, la Regione, "con decreto dirigenziale del 30 marzo 2015, aveva disposto di non poter procedere all’aggiudicazione ritenendo indimostrato il possesso dei requisiti richiesti dalla legge di gara. Ad avviso dell’amministrazione, l’aggiudicazione sarebbe preclusa dall’assenza di prova in ordine al volume di servizi di trasporto marittimo passeggeri eseguiti nel periodo 30 novembre 2006 – 30 novembre 2009, non aveva ritenuto sufficienti i requisiti tecnici della flotta di TdN" e aveva lasciato le quote a Moby. Contro quella valutazione TdN ha fatto ricorso al Tar ma l'esito non è stato quello sperato..

"Toscana di Navigazione  - secondo il Tar - avrebbe inammissibilmente dichiarato di avvalersi di alcune imprese mai precedentemente menzionate negli atti di partecipazione alla gara ai fini della dimostrazione della capacità economico-finanziaria, requisito che non sarebbe raggiunto con il concorso delle sole imprese ausiliarie a suo tempo indicate".

Al fine di soddisfare uno dei requisiti sul volume di miglia marine percorse, TdN aveva prodotto un richiesta, inviata dalla sua controllata Alilauro S.p.a. alla Capitaneria di Porto di Napoli ma il Tar ritiene che "detta produzione non può tuttavia reputarsi idonea a soddisfare gli oneri dimostrativi gravanti su Toscana di Navigazione, né a legittimare la deroga al termine perentorio stabilito dalla legge per la comprova dei requisiti". 

Inoltre i giudici amministrativi ritengono che TdN non potesse avvalersi delle controllate di Alilauro (Alilauro Gru.So.n. S.p.a., Alicost S.p.a. e Vola Viamare S.c. a r.l.) per integrare i requisiti economici necessari, cioè "aver conseguito negli anni 2006 – 2008 un volume d’affari per i servizi di trasporto marittimo non inferiore a 75 milioni di euro e un fatturato globale non inferiore a 150 milioni di euro".

Per questi motivi il Tar "respinge il ricorso e condanna la Toscana di Navigazione S.r.l. alla rifusione delle spese processuali, che liquida in complessivi euro 4.000".

E adesso? Al di là delle motivazioni tecniche nulla cambia sotto il sole: Toremar continua a restare a governata da Moby e TdN ha solo la possibilità di un nuovo ricorso contro la decisione del Tar appellandosi nuovamente al Consiglio di Stato che già le diede ragione una volta. Potrebbe non essere questo quindi l'ultimo atto della battaglia che si sta svolgendo per il controllo del canale di Piombino ma nuove sorprese non arriverebbero a breve.

Resta l'incognita del giudizio ancora pendente davanti all'autorità garante della concorrenza sull'effettiva concentrazione di corse in capo al duopolio Toremar-Moby, giudizio che si rifletterà nella prossima procedura di assegnazione degli slot nei porti di Piombino e Portoferraio.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni 2020

Cronaca

Attualità

Attualità