QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 6° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 23 gennaio 2019

Attualità domenica 19 agosto 2018 ore 05:00

Il ricordo di Lorenzo Claris Appiani

Lorenzo Claris Appiani

Il suo impegno per la cultura, lo sport ed i giovani. Le iniziative nel versante riese dedicate al giovane avvocato con forti legami all'isola d'Elba



. — La storia del giovane avvocato Lorenzo Claris Appiani e la sua prematura scomparsa nei fatti tragici del Tribunale di Milano sono state al centro delle cronache nazionali a partire dal 9 Aprile 2015. La giustizia ha fatto il suo corso e nel mese di Giugno 2018 la Corte di Cassazione ha confermato l'ergastolo per il responsabile di quei tragici avvenimenti.

Nel versante riese, dopo quei terribili fatti che hanno strappato Lorenzo all'affetto della sua famiglia e dei suoi amici, - e che hanno destato tanto scalpore proprio perché avvenuti nel luogo simbolo in cui si amministra la giustizia- sono nate alcune iniziative per ricordare il giovane avvocato, grazie ai suoi legami con l'isola d'Elba e in particolare con il paese di Rio Marina. Grazie ad amici, conoscenti ma anche attraverso una catena di solidarietà sono nate alcune iniziative anche all'Elba, che si ripetono di anno in anno e che hanno il supporto della famiglia Appiani.

La gara di running “Miniera in Trail” (leggi l'articolo), che si svolge nel territorio fra Rio Marina e Rio nell'Elba, percorrendo anche un tratto di terreno vicino all'azienda della famiglia Appiani, dal 2015 è così diventata meta di un simbolico traguardo denominato “Trofeo in memoria dell' avvocato Lorenzo Claris Appiani”.

Nel 2016 anche l'organizzazione di Elba Book Festival, il festival dedicato all'editoria indipendente, che ha il suo centro nel paese di Rio nell'Elba, ha istituito un premio letterario internazionale per la migliore traduzione da una lingua straniera e lo ha dedicato al giovane Lorenzo (leggi l'articolo). Al centro delle finalità del premio letterario c'è la volontà di promuovere il dialogo fra culture diverse, base indispensabile per una società democratica.

C'è poi il “Memorial Lorenzo Claris Appiani” (leggi l'articolo), promosso dal Circolo Vogatori riomarinesi, che ogni estate vede “sfidarsi”, attraverso gare di canottaggio a sedile fisso, equipaggi composti da giovanissimi ragazzi e ragazze nelle acque antistanti il porto di Rio Marina.

Queste tre iniziative pur nelle loro differenze comunicano un messaggio positivo che la famiglia Appiani sta portando avanti con grande determinazione. Si tratta di una testimonianza dei valori legati alla giustizia e alla legalità, al dialogo e al rispetto per una risoluzione pacifica dei conflitti.In tutto questo c'è un'attenzione particolare ai giovani e alla loro formazione attraverso lo sport e proprio l'attività praticata dai ragazzi del Circolo Vogatori Riomarinesi ha molto colpito la famiglia Appiani.

“Lo sport è fatica e sacrificio, nello sport i ragazzi imparano a stare in gruppo ma anche ad esercitare il proprio autocontrollo- ci ha spiegato Alberta Brambilla Pisoni, la madre di Lorenzo - penso che se la persona che ha sparato a mio figlio avesse avuto questo insegnamento, probabilmente non avrebbe agito in quel modo, sfogando la sua rabbia e le sue frustrazioni”.

“Noi adulti dobbiamo insegnare ai giovani il valore del sacrificio e della fatica ma anche a saper perdere e ad accettarlo – ha proseguito - perché questo fa parte della vita. Perdere non significa essere sconfitti come personeperché non si perde il proprio Io. Un giovane che impara ad affrontare questo già attraverso lo sport diventerà una persona che non metterà in atto violenze proprio perché non si sentirà sconfitta e saprà gestire le sfide della vita. Dobbiamo insegnare ai giovani a forgiare il loro carattere per diventare persone forti e positive”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità