Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:PORTOFERRAIO10°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 26 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità venerdì 17 aprile 2015 ore 16:05

Il Governo tassa il Comune, Ciumei non ci sta

lL sindaco di Marciana marina si sfoga su Facebook per un nuovo prelievo del Governo ai Comuni attraverso il Fondo di Solidarietà



MARCIANA MARINA — "Mazzata del governo Renzi al Comune di Marciana Marina".

Comincia così lo sfogo di Andrea Ciumei, sindaco di Marciana Marina, contro il prelievo di 310mila euro da parte del Governo attraverso il Fondo di solidarietà.

"Il Fondo di Solidarieta comunale chiede altri 310mila Euro al comune più piccolo dell'Isola d'Elba. Non bastavano gli 840mila Euro (il 38,23% del gettito IMU) e non bastavano gli ulteriori 122mila Euro (il 34% di gettito TASI) già chiesti ai marinesi da parte del governo dal 2014, e non sono stati neppure sufficienti i salti mortali per consentire all'Amministrazione di chiudere il bilancio consuntivo in positivo grazie all'oculatezza degli investimenti e alla riduzione delle spese senza far mancare niente a nessuno;

Oggi 17 aprile, con il bilancio di previsione 2015 quasi totalmente impostato - su risorse proprie - e con la stagione dell'ospitalità alle porte, il governo chiede al comune di Marciana Marina un ulteriore trasferimento di 310mila Euro per far quadrare i propri conti. 

Bravo Matteo! Abbassiamo la pressione fiscale agli italiani, liberiamo risorse per gli investimenti, facciamo vedere che l'Italia riparte e finalmente voltiamo pagina... col "i soldi" degli altri".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità