Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:37 METEO:PORTOFERRAIO15°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'invasione del Vermocane: tutto quello che c'è da sapere

Politica venerdì 19 dicembre 2014 ore 12:39

I conti del Comune sono ok, lo dice la Corte

La sezione regionale della Corte dei Conti ha certificato il rientro dei debiti del Comune, le cui casse godono ora di buona salute.



CAPOLIVERI — Il Comune di Capoliveri il 30 ottobre ha chiuso il procedimento pendente presso la Corte dei Conti Sezione regionale di controllo per la Toscana. 

“E’ stato un momento di grande soddisfazione – ha dichiarato il Sindaco Ruggero Barbetti – quando il Presidente della Sezione Regionale di Controllo per la Toscana nella audizione che si è tenuta a Firenze ci ha comunicato di prendere atto del lavoro da noi svolto. Ho rappresentato al Presidente che abbiamo mantenuto gli impegni di rientro che avevamo promesso quando ci siamo accorti della eredità negativa che avevamo ricevuto dalla passata amministrazione. 

E’ per me motivo di orgoglio essere riuscito a rispettare quanto avevamo deciso e concordato. Del resto, 1 milione e 329mila euro da ripianare in tre anni non sono pochi ma ci siamo riusciti. Ringrazio tutti i dipendenti del Comune che hanno permesso tutto questo ed in particolar modo Massimo Puccini, responsabile dell’Area Finanziaria del Comune, dato che senza la sua professionalità e senza il suo apporto tutto questo non sarebbe stato possibile”.

Tutto ha avuto inizio con la delibera n. 194/2011/VSG sempre della Sezione Regionale di Controllo per la Toscana con la quale fu approvata la Relazione avente ad oggetto “Verifica sulla sana gestione finanziaria del Comune di Capoliveri per l’anno 2010”. Dalla Relazione redatta dalla Corte dei Conti è stata rilevata la presenza di irregolarità e disfunzioni contabili provenienti dalla precedente amministrazione. 

Emblematica è l’analisi compiuta dalla Sezione Regionale di Controllo dalla quale si evince che: ”Da un lato infatti vengono radiate dalla contabilità entrate straordinarie mantenute a residuo attivo in assenza di apposito titolo giuridico quali alienazioni di beni immobili a finanziamento della restituzione della quota di debito residuo avvenuta nel corso del 2006 e dell’altra spese in conto capitale per economia di spesa che non possono essere compensate.

Pertanto la componente positiva confluita nell’avanzo di amministrazione è riferita alla realizzazione di economie di spesa realizzate nell’ambito del conto capitale di spesa pari ad 1.329.874 euro deve essere ricostituita nell’ambito dello stesso quale fondo vincolato a finalità in conto capitale”

Infatti la passata Amministrazione che ha guidato il Comune dal 2004 al 2009 ha effettuato una estinzione anticipata di mutui nel 2006 sulla base di apposito piano di rientro con la Cassa Depositi e Prestiti non supportandola dalla necessaria copertura finanziaria in quanto non sono andate in porto alcune alienazioni di beni immobili. 

L’attuale Amministrazione ha quindi dovuto provvedere mediante la ricostituzione del vincolo di destinazione per le somme cancellate dalla contabilità nell’ambito della spesa in conto capitale a partire dal 2006, pari a 1.329.874 euro.

La Prima tranche della ricostituzione applicata nella parte spesa del bilancio 2011 per l’importo pari a 480mila euro è stata finanziata mediante entrate di parte corrente. La Seconda tranche pari a 424mila e 937 euro per l’anno 2012 è stata finanziata rispettivamente per 52mila e 500 euro mediante utilizzo dei proventi derivanti da alienazioni immobiliari e la differenza mediante entrate di Parte Corrente. 

La terza tranche dell’anno 2013 pari a 424.937 euro è stata finanziata interamente mediante entrate di parte corrente. Grazie ad una oculata gestione di risorse pubbliche, nel 2011 questo Ente pur non riuscendo ad alienare alcunché ha chiuso l’esercizio finanziario con un avanzo di amministrazione libero di 832.264,40 euro.

Nel corso dell’anno 2013 l'amministrazione ha quindi provveduto a ricostituire integralmente l’ultima tranche di 424.937 euro e in sede di approvazione del rendiconto 2013 il Comune di Capoliveri ha chiuso senza alcun disavanzo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Marcella Merlini, candidata a sindaco di Portoferraio della lista "Bene Comune" spiega le due ragioni per cui non partecipa al confronto sul bilancio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Cronaca

Elezioni