Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PORTOFERRAIO15°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nel bunker segreto dei droni: così gli ucraini li armano e li adattano per la guerra

Politica giovedì 21 luglio 2022 ore 06:30

Elba non vocata ai cinghiali, ok da Commissione

La proposta è stata approvata in Commissione Sviluppo economico e rurale, dopo la delibera della giunta. Ora dovrà passare in Consiglio regionale



FIRENZE — In Commissione Sviluppo economico e rurale del Consiglio regionale toscano, presieduta da Ilaria Bugetti (Pd) è stata approvata a maggioranza, con l’astensione di Lega, Fratelli d’Italia e Movimento 5 Stelle, la proposta di delibera per la revisione delle aree, vocate e non, alla specie sus scrofa sull’isola d'Elba.

“Occorre dare un contributo alla soluzione dell’emergenza cinghiali presente sull’isola – ha detto Bugetti – sia per quanto riguarda l’incolumità delle persone sia per i danni procurati all’agricoltura”. 

La proposta, dopo il sì della Giunta, è arrivata in Commissione e poi andrà in Consiglio per l’approvazione definitiva.

In Commissione è stato spiegato: “quando furono riviste le aree vocate e non per la specie cinghiale in tutto il territorio regionale, si scelse di far ricadere l’isola d’Elba, per la quasi totalità in area vocata ma questa scelta non è stata del tutto azzeccata perchè ha creato gravi difficoltà di gestione della specie”.

Il consigliere Marco Niccolai (Pd) ha chiesto precisazioni sulla coesistenza delle diverse modalità di caccia. Si è quindi ricordato che le aree vocate individuano un territorio a gestione conservativa della specie con ridotte possibilità di intervento sia dal punto di vista venatorio che di controllo; lì si può, infatti, cacciare soltanto nei tre mesi del calendario venatorio. Nelle aree non vocate, invece, si può cacciare con la braccata in questi tre mesi e in più, si può intervenire tutto l’anno con la caccia di selezione. Anche per quanto riguarda gli interventi di controllo nelle aree non vocate ci sono maggiori possibilità di intervento. “Da qui la scelta, per risolvere le problematiche, su richiesta dei sindaci dell’Elba di trasformare queste aree vocate in non vocate”.

Elena Meini (Lega) è intervenuta ribadendo di accogliere l’atto e di condividere la scelta delle aree non vocate “in termini positivi perchè si tratta di una richiesta che arriva dal territorio, dai sindaci e dai cittadini dell’Elba che lanciano un allarme alla Regione”. 

“Credo – ha aggiunto – che sia un passo in avanti, un punto di partenza su questo tema”. Meini ha, infine, chiesto se “in collegamento a questa proposta è previsto un piano di abbattimenti straordinario”. La risposta è stata che “la Regione ha già fatto un piano per le aree non vocate che per tutto l’anno prevede il prelievo in selezione con persone autorizzate, ad oggi l’unica limitazione a questo prelievo, già autorizzato, è data dalla mancanza sull’isola di persone abilitate al prelievo selettivo del cinghiale”.

Andrea Pieroni (Pd), dopo aver premesso che “il tema della limitazione degli ungulati e delle loro scorribande è un’esigenza vera che arriva da più territori” ha chiesto a quanto ammonta “la superficie cacciabile e destinata ad aree vocate dell’isola, in percentuale rispetto alla zona del parco” Dalla Giunta la risposta: “Per una buona metà l’isola è formata dal parco ed è evidente che nel parco gli interventi in prelievo venatorio non sono consentiti” ma “oltre alle catture stanno lavorando alla possibilità di eventuali abbattimenti anche all’interno del parco con interventi di prelievo in controllo”.

“Il problema – ha concluso Irene Galletti (Movimento 5 stelle) – è che si inserisce questa proposta all’interno di un piano faunistico-venatorio che ancora non abbiamo. Mi domando se l’obiettivo finale sia l’eradicazione della specie o solo un contenimento numerico. La risposta dalla Giunta è stata che “parlare di eradicazione del cinghiale è un’utopia vista la loro capacità riproduttiva e la presenza del parco” e che “il problema immediato è quello di un contenimento emergenziale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Puntuale, come ogni domenica, il cinghiale scende in parse per cercare cibo e così placare la sua fame
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità