Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Politica domenica 09 novembre 2014 ore 19:03

Del Torto risponde alle critiche della maggioranza

Continua la polemica a distanza fra la maggioranza consiliare di Portoferraio e l'ex presidente del consiglio comunale Alessia Del Torto



PORTOFERRAIO — Dopo l'ultimo invito da parte della maggioranza a dimettersi da consigliere, ed essendo già stata "dimessa" da presidente del consiglio, la consigliere Del Torto non ci sta e ribatte alle accuse:

"Nonostante l'esito del Consiglio comunale di ieri con numerosi appelli da parte della Minoranza al rispetto delle leggi e del Regolamento, oggi ci ritroviamo a leggere l'ennesimo atto di incompetenza e arroganza. E' da poco uscito un articolo del Gruppo consiliare Viviamo Portoferraio nel quale si dice testualmente: “Nella seduta di ieri la Del Torto, proprio perchè direttamente interessata, aveva l'obbligo di astenersi e far presiedere al vice Rossi. Invece ha presieduto lei e ha trasformato la seduta in un suo comizio”. 

Visto che nonostante l'invito questa maggioranza persevera nell'errore, vi dico cosa dice la legge. L'art. 78 comma 2 del Decreto legislativo 267/2000 (Testo unico degli enti locali) prevede che “Gli amministratori devono astenersi dal prendere parte alla discussione e alla votazione di delibere riguardanti interessi propri o dei loro parenti o affini sino al quarto grado”. Questa disposizione che è una chiara specificazione di settore dell'art. 323 del codice penale riguarda posizioni di interesse direttamente riferibili all'amministratore in grado di avvantaggiarlo come persona in quanto tale. Nel merito il Consiglio di Stato è chiaro: non sussiste alcun obbligo di astensione perchè il Presidente del Consiglio comunale non è portatore di un interesse privato, ma del pubblico interesse a ricoprire un pubblico ufficio al quale è stato legittimamente preposto agendo non ratione persone ma ratione muneri. 

Per questo motivo il Presidente del consiglio comunale sub iudice è nella pienezza dei suoi poteri e può presiedere la seduta, intervenire e partecipare alla votazione. Per semplice analogia, per chi non lo sapesse, chiamasi anche diritto alla difesa. Il resto non merita commento, fango gettato lì a contorno di uno scenario ormai chiaro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un grupoo di amici ha creato un comitato per organizzare una giornata di sport e beneficenza in ricordo del giovane scomparso prematuramente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità