Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:PORTOFERRAIO10°11°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 01 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Ragazzi, non guidate se avete bevuto e correte verso la felicità nel ricordo di Francesco»

Attualità mercoledì 06 maggio 2015 ore 07:00

Aree di crisi: fino a 11mila euro per ogni assunto

La novità. le aziende potranno sommare questo incentivo regionale a quelli previsti dalla normativa nazionale e nei prossimi mesi anche il Contratto di ricollocazione



FIRENZE — Ieri, 5 maggio nel corso di un incontro convocato dall'assessore regionale alle attività produttive, credito e lavoro è stato fatto il punto sugli strumenti a disposizione per favorire l'occupazione e sostenere il reddito dei lavoratori espulsi dalle aziende colpite dalla crisi nell'area di Livorno. All'incontro a Firenze, oltre alla Regione, hanno partecipato le organizzazioni sindacali regionali e provinciali e l'Inps.

Dopo aver ricordato che la firma dell'Accordo di programma presso il ministero dovrebbe avvenire entro maggio, la Regione ha richiamato gli strumenti che possono essere utilizzati a breve per dare ossigeno ai lavoratori che hanno esaurito o non possono comunque più accedere agli ammortizzatori sociali.

A partire da oggi, 6 maggio, sarà nella procedura di certificazione il decreto per i Lavori di pubblica utilità. Il bando dovrebbe essere pubblicato entro metà maggio. Come già annunciato, il bando stanzia per il momento 1 milione di euro che potranno essere utilizzati per il cofinanziamento all'80 per cento di progetti presentati dai Comuni con la finalità di reimpiegare temporaneamente lavoratori disoccupati e senza sostegno al reddito. L'assessore ha ricordato che le tre aree di crisi della Toscana (Piombino, Area di Livorno-Rosignano- Collesavetti, Massa Carrara) hanno una corsia preferenziale in questo bando (partono con 35 punti su un totale di 100). La Regione ha già contattato i Comuni interessati per spiegare l'iniziativa e incentivare la presentazione di progetti in forma aggregata, per usare più efficacemente le risorse a disposizione. La durata del bando è di un anno, ma se la sperimentazione sarà positiv a verrà sicuramente rifinanziato essendo stato inserito tra le priorità del Por FSE 2014/20.

Un secondo strumento, già attivabile, consiste in un mix di incentivi che vengono garantiti dalla Regione per favorire l'assunzione dei lavoratori da parte delle imprese. Il bando, finanziato con 5milioni, di cui 1 milione e mezzo per le tre aree di crisi, sarà pubblicato entro maggio ed è retroattivo, coprendo anche i lavoratori assunti a partire dal gennaio 2015. La "dote" complessiva per ciascun lavoratore è consistente: si arriva ad 11 mila euro per assunzioni a tempo indeterminato full time (8000 per l'assunzione, più 3000 euro per la formazione).

Una novità, sottolineata nella riunione di ieri, è la possibilità da parte delle aziende di sommare questo incentivo regionale a quelli previsti dalla normativa nazionale, definendo quindi un pacchetto di sostegno molto corposo.

A questo pacchetto si potrà sommare, nei prossimi mesi, anche il Contratto di ricollocazione, previsto da nuove norme nazionali, che prevede voucher e misure di accompagnamento per l'assunzione di disoccupati.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È questo il numero dei contagi accertati sull'isola nelle ultime 24 ore in bsse al monitoraggio giornaliero diffuso dalla Regione Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità