Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:08 METEO:PORTOFERRAIO20°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Politica lunedì 06 aprile 2020 ore 09:45

Salandro, "nessuna responsabilità della ex giunta"

Lorenzo Lambardi

Il gruppo di minoranza Idea Comune interviene per spiegare la situazione relativa ai permessi nella zona dell'antico acquedotto



CAMPO NELL'ELBA — Dopo la segnalazione di Legambiente sul cantiere aperto nell'antico acquedotto del Salandro scoppia la polemica che investe l'attuale amministrazione comunale di Campo nell'Elba e la ex giunta comunale guidata da Lorenzo Lambardi.

"Sui fatti inerenti i lavori su antenna telefonica situata in via del Salandro a Campo nell'Elba - dichiara l'ex sindaco Lambardi - mi permetto di inoltrarvi questa piccola nota stampa. L'atteggiamento del Sindaco Montauti, a mio avviso, palesa ancora una volta un modo di agire contrario al bene comune. Mentre chiede un chiarimento all'allora Giunta Lambardi (di cui allego lettera firmata dallo stesso, vedi allegato, ndr)  si inviano informazioni parziali e scorrette all'associazione Legambiente".

"Siamo venuti a conoscenza che il sindaco di Campo nell’Elba ha scorrettamente inviato a singoli membri dell’associazione Legambiente il frontespizio (ovviamente non seguito dal contenuto) della delibera di Giunta 132/2015 (riguardante un semplice atto amministrativo per la regolarizzazione contrattuale di una locazione già esistente di uno spazio pubblico) risalente alla Giunta Lambardi". 

Si apre così l'intervento del gruppo di minoranza del Comune di Campo nell'Elba Idea Comune. 

"Frontespizio della stessa delibera di Giunta di cui la passata Amministrazione ha chiesto copia dopo la richiesta di chiarimenti che il sindaco ha avanzato nei giorni scorsi e che per spirito collaborativo verso Legambiente aveva deciso di assecondare. Copia non ancora ricevuta dopo cinque giorni.
Appare chiaro quindi il tentativo di non voler risolvere davvero la situazione che si è palesata ma di mistificare la realtà (non fornendo le giuste informazioni) e attribuire responsabilità a chi amministrava il Comune ormai cinque anni fa".

"Non ci pare questo il modo di operare nell’interesse dei cittadini. Siamo sinceri. Nelle sedi opportune sarà nostra cura ristabilire la verità dei fatti. - prosegue il gruppo Idea Comune  - Per adesso basti sapere che sul caso dell’antenna di telefonia mobile il via del Salandro, portato alle cronache da un giusto intervento di Legambiente, chi amministrava cinque anni fa non ha alcuna responsabilità.  Al contrario, l’amministrazione Lambardi in quegli anni è intervenuta proprio per normare, arginare e governare il fenomeno della proliferazione delle antenne della telefonia mobile. Evitandone la distribuzione in terreni privati e approvando il Piano della telefonia mobile nel 2016, per la prima volta nella storia del nostro Comune".

"Pensiamo, inoltre, - concludono dalla minoranza - che sarebbe utile impiegare tutte le energie a disposizione lavorando pancia a terra per tutte le iniziative che si renderanno necessarie per far fronte alla durissima crisi economica che caratterizzerà il nostro Comune nei prossimi mesi.  E non per portare avanti una caccia alle streghe inutile quanto dannosa".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno