Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:52 METEO:PORTOFERRAIO20°29°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 29 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte: «Sapevo delle telefonate di Draghi, grave si intrometta nella vita di forze politiche»

Politica sabato 28 gennaio 2017 ore 17:42

Rinascita Campese attacca Lambardi

L'associazione che contribuì all'elezione dell'ex sindaco e che portò 4 consiglieri in maggioranza entra a gamba tesa sull'ex sindaco



CAMPO NELL'ELBA — Non si sono fatte attendere a lungo le prime reazioni alla nuova discesa in campo della lista Punto e a Capo e, con la nota appena diffusa, la campagna elettorale a Campo nell'Elba diventa subito vivace.

A sferrare il colpo sono gli ex alleati di Rinascita Campese che, insieme a Punto e a Capo, contribuirono a portare Lorenzo Lambardi alla guida del Comune, esprimendo quattro consiglieri (Roselba Danesi, Emanuele Mazzei, Eleonora Scotto di Santolo e Sergio Spinetti) e il vice sindaco Giancarlo Galli.

Un'unione che entrò in crisi quando i consiglieri lasciarono l'associazione per contrasti interni continuando a sostenere la giunta Lambardi e che divenne definitiva quando lo stesso sindaco sostituì Galli con De Rosas nel ruolo di vice.

"Niente da dire sul diritto di fare una lista per le prossime elezioni - commentano da Rinascita Campese - ma ci corre l’obbligo di dissentire sulle fantomatiche asserzioni e motivazioni che hanno accompagnato l’evento. Ammettere i propri errori è sicuramente apprezzabile, un po' meno quello di attribuire ad altri le gravi responsabilità assunte durate la gestione del mandato". 

Dice Lambardi che non entrerà nella dialettica dei traditori o degli attacchi personali. A questo punto dobbiamo ricordare allo smemorato Lambardi che, in spregio agli accordi presi con la nostra associazione, in combutta con i quattro fuoriusciti, attuò un rimpasto con l’esclusione dell’unico rappresentante rimasto di Rinascita Campese, il vicesindaco Galli, amministrando (si fa per dire) di conseguenza senza nessun componente che ci rappresentasse. 

Se i fuoriusciti di Rinascita, accolti a braccia aperte con un patto scellerato, sono stati dei traditori, eventualmente lo furono principalmente nei riguardi dell’associazione cui avevano liberamente aderito e nondimeno l’appellativo potrebbe valere anche per la componente rappresentata da Punto e a Capo. 

In contrasto con quanto asserito nelle citate dichiarazioni - concludono dall'associazione - noi riteniamo che parlare di tradimento sia fuorviante: siamo consapevoli, piuttosto, che persone inesperte e di scarso acume politico, siano state facilmente manovrate.

Riteniamo inoltre che chi ha fatto parte di quella disastrosa esperienza non sia qualificato a rappresentare, e sicuramente non rappresenta, la maggioranza dei campesi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Viabilità rallentata in ingresso a Portoferraio complici il maltempo con molte auto in giro e un cantiere di Asa per riparare un guasto non urgente
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Politica

Attualità