Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:43 METEO:PORTOFERRAIO16°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 10 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il figlio di Perisic consola Neymar in lacrime, la stretta di mano poi il commovente abbraccio

Attualità domenica 15 maggio 2022 ore 10:20

"No a free climbing vicino ai nidi dei falchi"

La zona in una foto di google maps

Legambiente chiede al Parco e alle istituzioni di verificare dopo avere ricevuto una segnalazione sul pericolo che la zona diventi ingestibile



MARCIANA — Legambiente Arcipelago Toscano fa sapere attraverso una nota, di avere ricevuto, insieme a Parco Nazionale Arcipelago Toscano, altre associazioni ambientaliste e Comune di Marciana una lettera in cui viene segnalato che "A Capo Sant’Andrea (Marciana) nella falesia della Cala detta di Carletto stanno cercando di installare una via d’arrampicata, mettendo in pericolo la nidificazione dei rapaci, la flora autoctona e contribuendo alla degradazione della parete rocciosa".

"Infatti la signora, - spiega Legambiente - la cui famiglia è proprietaria da più generazioni della casa e dei terreni sovrastanti la falesia, si è trovata dei climbers attrezzati di tutto punto sulla sua proprietà che stavano discutendo con un altro gruppo di arrampicatori ancora in basso di come tracciare la via di arrampicata e nella sua lettera fa notare: "E’ ancor più disarmante il ritrovare la descrizione e la pubblicità di questa via non ancora installata su numerosi siti ufficiali".

Letta la denuncia ricevuta  Legambiente Arcipelago Toscano fa sapere di avere scritto  Parco Nazionale, Comune, Carabinieri forestali e Capitaneria di Porto evidenziando che "L’area segnalata si trova all’interno della Zona B del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, della Zona di protezione speciale (ZPS - Direttiva Uccelli) e ZSC - Zona speciale di conservazione (Direttiva Habitat) Monte Capanne – Promontorio dell’Elba, è compresa a monte in una proprietà privata mentre le falesie utilizzate per l’arrampicata si trovano nel Demanio Marittimo. Da anni le falesie sono interessate dalla nidificazione di gheppi (Falco tinnunculus) ed è stata segnalata la presenza di Barbagianni (Tyto alba). Le pareti e l’intera area delle Coti Piane di Sant’Andrea rivestono un grande valore geologico".

Per questo Legambiente chiede alle istituzioni interessate: "Se le attività di arrampicata siano state autorizzate e se esista un nulla-osta del Parco Nazionale per creare una via di arrampicata; se le attività in essere e la possibile realizzazione di una via di arrampicata siano conformi a quanto previsto dal Piano del Parco Nazionale Arcipelago Toscano, con le misure di gestione della ZPS/ZSC e se, in questo caso, sia stata realizzata la necessaria valutazione di incidenza; quali siano le misure messe in atto dal Parco Nazionale per proteggere l’avifauna nidificante e presente nell’area; quali siano le iniziative prese dalle altre Istituzioni interessate per far rispettare i vincoli ricadenti sull’area; se si intenda apporre cartellonistica dedicata e prendere altre misure di prevenzione controllo per impedire il disturbo dell’avifauna nidificante e/o protetta e la proprietà privata da intrusioni". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle prossime ore sono previste piogge e forti temporali. La Protezione civile regionale ha emesso un codice giallo per i rischi del maltempo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità