QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°25° 
Domani 25°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 19 luglio 2018

Attualità martedì 26 giugno 2018 ore 15:10

Vele Spiegate, la seconda edizione del progetto

Oltre quattrocento volontari impegnati per tutta l’estate in attività di pulizia di spiagge, fondali e ricerca scientifica nell’Arcipelago Toscano



MARCIANA MARINA — Lo scorso anno sono stati raccolti lungo le coste dell’Arcipelago oltre 700 chili di rifiuti e 22 spiagge monitorate con una media di 10 rifiuti ogni metro: a farla da padrona la plastica con il 72%

Il marine litter è ormai una delle due più gravi emergenze ambientali globali insieme ai cambiamenti climatici. E riguarda da vicino anche il nostro Paese. Il mare Mediterraneo, una delle aree più ricche di biodiversità al mondo, è infatti tra le sei zone di maggior accumulo di rifiuti galleggianti del Pianeta con evidenti rischi per l’ambiente, la salute e l’economia. Una percentuale altissima di questi rifiuti, tra l’80 e il 90%, è rappresentato da plastica. E quello che vediamo galleggiare sulla superficie del mare e arenarsi sulle spiagge è, purtroppo, solo la punta dell’iceberg di un problema ben più complesso. Rifiuti che, portati dalle correnti raggiungono anche le aree più remote.

Per sensibilizzare i cittadini sul tema del marine litter, monitorare la presenza di rifiuti lungo le coste e chiedere alle istituzioni di mettere in campo politiche di prevenzione e sensibilizzazione, con l’arrivo diGoletta Verde nell'Arcipelago Toscano, Legambiente ha lanciato oggi la seconda edizione del progetto Vele Spiegate, che vedrà il coinvolgimento di oltre quattrocento volontari, provenienti da tutti gli angoli d'Italia, dai 15 ai 99 anni, che si alterneranno da oggi fino a fine agosto nell'Arcipelago Toscano e nel Cilento in attività di pulizia delle spiagge e in un monitoraggio scientifico, osservazione dei cetacei e sensibilizzazione dei turisti sulla cultura e protezione del mare.

Un'innovativa esperienza di citizen science (il contributo dei cittadini ai monitoraggi scientifici sui problemi ambientali) realizzata con il patrocinio di Enea e dell'Università di Siena, il sostegno dei partner principali Assovetro e Novamont; del partner sostenitore Sammontana e del partner tecnico Traghetti Lines. Il Tirreno, La Città di Salerno e La Nuova Ecologia saranno, invece, media partner dell'iniziativa.

Il progetto vede una fitta rete di collaborazioni, sia pubbliche che private. In Toscana è, infatti, realizzato grazie alla collaborazione di Diversamente Marinai, il cofinanziamento del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, con il patrocinio della Regione Toscana e il sostegno dei partner Esaom Cesa, Esa, Acqua dell'Elba. Grazie alla prima edizione di Vele Spiegate è stata realizzata lo scorso anno la più grande opera di pulizia delle spiagge dell’Arcipelago toscano che ha consentito di rimuovere dagli arenili oltre 700 chili di rifiuti e monitorare 22 spiagge e isole, dove è stata osservata una media di 258 rifiuti ogni 25 metri di spiaggia: a farla da padrona tra i rifiuti più trovati c'è la plastica, con una percentuale del 72%.

Questa mattina la seconda edizione del progetto ha preso con la conferenza stampa di presentazione e le prime attività: la pulizia della Spiaggia della Cala sul versante nord occidentale dell'Elba, al confine tra i Comuni di Marciana Marina e Marciana.

Ieri, in occasione della prima giornata della Goletta Verde all'Isola d'Elba, durante il workshop sul progetto Pelagos Plastic Free è arrivata un'importante presa di posizione del sindaco di Marciana Marina Gabriella Allori: proprio a bordo dell'imbarcazione ambientalista il primo cittadino toscano ha annunciato che avvierà un percorso partecipato con l'obiettivo di sostituire la plastica monouso (piatti, posate, bicchieri, cannucce, etc.) con prodotti compostabili e biodegradabili, facendo da apripista a quello che si sperà diventerà un percorso virtuoso dei Comuni elbani.

«Per risolvere il problema dei rifiuti marini è urgente mettere in atto azioni concrete puntando, sempre di più, su politiche di prevenzione e sensibilizzazione, su una corretta gestione dei rifiuti e coinvolgendo cittadini e giovani generazioni – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – Vele Spiegate oltre a rappresentare una grande campagna di pulizia delle spiagge è un’ulteriore e significativa esperienza di citizen science praticata da anni da Legambiente su tutto il territorio nazionale e considerata da più fonti istituzionali internazionali come una delle esperienze più avanzate al mondo, come è emerso anche nella Conferenza Onu sugli oceani a New York in cui abbiamo raccontato la nostra esperienza anche in Assemblea generale».

«Da anni Legambiente riserva alla tutela del mare e delle sue coste un impegno continuo e costante attraverso numerosi progetti, iniziative di volontariato ambientale, attività didattiche, di educazione ambientale e di citizen scienze – spiega Umberto Mazzantini di Legambiente Arcipelago – Vele Spiegate va proprio in questa direzione, puntando ad acquisire dati qualitativi e quantitativi relativi ai rifiuti presenti nelle località costiere. Nell'Arcipelago Toscano, dopo il successo della scorsa edizione, i volontari saranno impegnati in questi due mesi in molte spiagge dell'Isola d’Elba e a Capraia, Pianosa, Giglio, Formiche di Grosseto, Giannutri, Isolotto dei topi, Scoglietto, Cerboli, Palmaiola, Montecristo e Scoglio d’Africa. I rifiuti galleggianti raccolti lungo le rotte del viaggio, così come i rifiuti spiaggiati che verranno anche analizzati e catalogati per quantità e tipologia. L’interesse scientifico del progetto risiede anche nelle indagini focalizzate su spiagge remote, in cui l’accesso al pubblico è ridotto».

«Operiamo su questo territorio da tanti anni, agendo spesso in sinergia con Legambiente Arcipelago, per tutelare il mare, nostro orizzonte comune – evidenzia Marco Marmeggi, presidente di Diversamente Marinai – Vele Spiegate rappresenta la messa a sistema di un lavoro importante. Si serve della vela per costruire un meccanismo di integrazione, che unisca marginalità sociali e tematiche ambientali, emergenze comuni che tutti noi siamo chiamati ad affrontare».

Legambiente ricorda che l'emergenza del marine litter, oltre al devastante impatto sull'ambiente, ha drammatiche conseguenze sugli esseri viventi che vivono in contatto con l’ecosistema marino: l'ingestione dei rifiuti di plastica è stata documentata in oltre 180 specie marine. Senza dimenticare che, secondo uno studio commissionato ad Arcadis dall’Unione europea, il marine litter costa all’Europa 478 milioni di euro all’anno solo per i settori di turismo e pesca, mentre per pulire tutte le spiagge europee il costo stimato è di 412 milioni di euro. Il settore pesca è uno dei settori fortemente impattati da questo problema ma anche quello che può ricoprire un ruolo da protagonista nella grande pulizia del nostro mare, ad esempio con il “Fishing for litter”, attività che consentirebbe ai pescatori di riportare a terra i rifiuti che finiscono accidentalmente nelle reti. Una misura quanto mai necessaria che è prevista dalla direttiva europea Marine Strategy ma che in Italia è ostacolata dalle normative vigenti che necessitano una revisione per consentire finalmente che queste attività possano svolgersi regolarmente. A oggi, infatti, a eccezione di alcuni progetti pilota come Arcipelago pulito a cui Legambiente partecipa, i pescatori sono purtroppo costretti a ributtare in mare i rifiuti pescati.

Secondo l’ultimo rapporto Beach Litter di Legambiente, solo sulle spiagge italiane il 31% dei rifiuti censiti è stato creato per essere gettato immediatamente o poco dopo il suo utilizzo. Non solo plastica, parliamo di imballaggi di alimenti, carte dei dolciumi, bastoncini per la pulizia delle orecchie, assorbenti igienici, barattoli e latte alimentari, mozziconi di sigaretta. In particolare i rifiuti plastici usa e getta sono stati rinvenuti nel 95% delle spiagge monitorate, a dimostrazione della gravità del problema. Ma problema più grande è che questi rifiuti non scompaiono, ma anzi restano nell’ambiente, si degradano e si frammentano in pezzi sempre più piccoli: microplastiche che hanno una via facilitata per entrare nella catena alimentare e contaminarla.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cultura