QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 10°16° 
Domani 16°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 30 aprile 2017

Attualità venerdì 21 ottobre 2016 ore 11:58

Silver Air vola nei numeri ma è allarme aeroporto

La compagnia elbana registra 1.500 passeggeri in più ma senza l'allungamento della pista l'aeroporto rischia la chiusura nel 2018

CAMPO NELL'ELBA — Sono numeri importanti quelli che ha fatto registrare la compagnia aerea Silver Air che, nell'assemblea degli albergatori che si è tenuta ieri, ha mostrato i risultati conseguiti fino alla fine di settembre con un aumento di 1.523 passeggeri rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Numeri che tuttavia non bastano a diradare la nebbia che avvolge il futuro dello scalo elbano, stretto fra le richieste dei vettori e la burocrazia che rallenta il progetto di allungamento della pista, che a questo punto appare ormai come vitale per la sopravvivenza.

Silver Air. Illustrati da Vincenzo Gorgoglione, rappresentante di VolarElba, la società che controlla Silver Air, il numero dei passeggeri da gennaio a settembre si è attestato su 4.654 contro i 3.131 dei primi nove mesi del 2015.

Il picco si è registrato a luglio con 1.161 passeggeri, seguito da agosto (999) e settembre (932) con quest'ultimo mese che ha quasi raddoppiato il traffico dell'anno precedente. 

Aumenti su tutte le tratte servite dalla compagnia aerea con i voli interni alla Toscana che risultano quelli più trafficati: verso Pisa hanno infatti volato 2.056 persone (contro le 1.278 del 2015), verso Firenze 1.073 (erano 402 nel 2015), sostanzialmente stabile Milano con 813 passeggeri (erano 821), bene invece Lugano con 712 (erano 630).

Analizzando alcuni dati si vede che sono stati 23 i passeggeri che hanno usufruito della convenzione medica stipulata da Portoferraio e Capoliveri (e che verrà presto estesa a Campo nell'Elba) mentre sono stati 504 i biglietti studenti.

Aeroporto. Questo aumento di traffico ha contribuito a recuperare parzialmente i passeggeri totali dello scalo di La Pila persi con l'addio della compagnia Intersky. Il fallimento del vettore che operava sull'Elba ha prodotto una perdita di passeggeri complessiva di 6mila unità portando il totale a 14mila passeggeri.

Numeri che hanno tenuto in vita l'aeroporto che ora dipende dall'allungamento della pista, come ha spiegato l'amministratore di Alatoscana, la società che gestisce lo scalo elbano, Claudio Boccardo: "E' una partita molto difficile - ha commentato - cominciata nel 2012 e ancora lunga prima della fine. Abbiamo avuto tutte le autorizzazioni da parte di Enac e Comune e svolto tutte le verifiche ambientali e paesaggistiche ma finora l'abbiamo giocata a stadio vuoto".

Boccardo accoglie il nuovo interesse delle istituzioni per il futuro dell'aeroporto: "I passi da fare sono ancora tanti: le risorse regionali sono stanziate a partire dal febbraio 2017 ma abbiamo un calendario stretto per i vettori". 

Il punto dolente è Skywork: "E' l'unico che ci collega con l'estero e ha cambiato il parco aeromobili mantenendone solo uno che può volare su questa pista e anche quello verrà dismesso dopo il 2017. Ci hanno già detto che senza allungamento, nel 2018 non potranno servire le rotte elbane".

"Sia chiaro - avverte - che nessuna compagnia potrà sostituire Intersky a queste condizioni e non ci si può aspettare che l'aeroporto da solo crei nuove rotte perchè i vettori non scommettono su questo tipo di strutture. Abbiamo bisogno di aiuto da parte delle istituzioni e degli enti del territorio, come bene ha fatto l'associazione albergatori che ha trovato l'accordo con Skywork per coprire Zurigo".

"Ci vuole una sinergia a tutto campo. Per esempio, e può sembrare strano, per noi agosto è un mese difficile perchè i tour operators vendono il pacchetto volo più albergo ma quando le strutture sono piene rinunciano e perdiamo voli. Idem per i mesi in cui gli alberghi sono chiusi".

Sul tema è intervenuto brevemente anche il commissario prefettizio al Comune di Campo nell'Elba, Salvatore Parascandola: "Adotteremo la convenzione per i voli medici - ha dichiarato - e con la Regione abbiamo stabilito un percorso virtuoso. Il 26 ottobre avremo la prima conferenza dei servizi per l'allungamento della pista, un incontro con l'assessore Ceccarelli per procedere alla dichiarazione di pubblica utilità dell'opera e completare il processo degli espropri dei terreni, conto di chiudere la pratica entro fine novembre".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag