QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 10°23° 
Domani 13°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 30 settembre 2016

Attualità sabato 13 febbraio 2016 ore 18:47

Stop del Comune a Punti Blu e concessioni singole

L'amministrazione comunale ha approvato le linee guida per la redazione del nuovo Piano Spiagge: si punta al superamento dei Punti Blu

PORTOFERRAIO — Via libera dalla Biscotteria alla redazione del nuovo piano spiagge del comune di Portoferraio. La giunta comunale ha dato infatti l'incarico al dirigente dell'area 3, Mauro Parigi, di "costituire un gruppo di lavoro interno all’amministrazione con eventuali supporti tecnici esterni per particolari fattispecie operative"; specificando che "il primo giro di consultazioni sarà svolto una volta predisposto il quadro conoscitivo ed il rapporto ambientale preliminare" mentre "le successive consultazioni saranno svolte sulla proposta di piano".

Il piano spiagge che ha in mente il Comune ha delle linee guida ben precise: "Deve essere limitato il ricorso a nuove concessioni demaniali ovvero queste ove previste debbono nel rispetto delle norme del Regolamento Urbanistico condurre al superamento delle concessioni per i cosiddetti Punti Blu fatta eccezione per particolari situazioni morfologiche dei siti".

In più le nuove concessioni demaniali "devono essere prioritariamente rilasciate a strutture turistico ricettive esistenti e confinanti con la spiaggia, oppure a consorzi d’ambito. Non deve essere inoltre prevista la realizzazione di strutture permanenti, anche solo per la stagione balneare, sulle spiagge, deve essere previsto a carico dei concessionari la pulizia e la sorveglianza della spiaggia e della balneazione non solo sulle aree in concessione, ma anche sulle aree limitrofe in un raggio di metri 50 dal confine della concessione e deve essere verificata la possibilità di realizzazione di campi boe finalizzate all’ormeggio nelle località maggiormente frequentate con divieto di ormeggio al di fuori di tali infrastrutture".

Un giro di vite ai punti blu che la giunta di Portoferraio giustifica dichiarando che "tale modello gestionale ha dato adito, per responsabilità dei gestori, a sequestri di materiali, contenziosi, generati appunto dai gestori per una continuativa occupazione della spiaggia oltre i mq. concessi per l’accatastamento dei materiali da affittare" e che "tale modalità di gestione ha prodotto sostanzialmente un tentativo di appropriazione di spazi di spiaggia senza titolo oltre e che spesso i bagnanti sono stati allontanati come se in presenza di concessione demaniale esclusiva, ovvero preso atto che tali comportamenti sostanzialmente scoraggiavano i bagnanti, mentre non sono stati rilevati particolari benefici per l’interesse pubblico (sorveglianza, pulizia, etc)".

Si guarda quindi a diverse modalità di gestione delle spiagge. "La maggior parte delle spiagge del Comune di Portoferraio - si legge ancora nel documento - sono da classificare quali spiagge libere e che è interesse mantenere alle spiagge la caratteristica di spiagge libere in quanto tale condizione è particolarmente apprezzata dai turisti".

Il Comune infine individua i criteri ispiratori del futuro piano spiagge: "Mantenimento di una prevalente estensione di spiagge libere, mantenimento delle concessioni demaniali rilasciate alle strutture turistico – ricettive, mantenimento delle concessioni demaniali degli stabilimenti balneari storici, individuazione di nuove piccole concessioni demaniali in favore di strutture turistico – ricettive situate a confine del demanio marittimo, verifica delle possibilità di concedere concessioni demaniali per postazioni di servizio delle “spiagge libere attrezzate” e verifica e definizione di eventuali diverse modalità attuative che vadano oltre la concessione demaniale a singolo soggetto, ovvero possibilità di rilascio di concessione a soggetti consortili d’ambito da ritenere soluzione preferenziale in quanto capace di garantire una gestione unitaria e maggiori servizi di interesse pubblico".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag