QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 8° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 21 novembre 2017

Spettacoli giovedì 07 settembre 2017 ore 10:35

Il Festival, Jacopo e le Fortezze

Jacopo Taddei a Forte Falcone

Le immagini e le sensazioni regalate dalla esibizione di Jacopo Taddei al Falcone. Un misto di orgoglio elbano e ammirazione per due giovani artisti

PORTOFERRAIO — Così come abbiamo voluto sottolineare il fascino e la bellezza artistica e paesaggistica del concerto di Yuri Bashmet e dei Solisti di Mosca alla Villa Romana delle Grotte, non possiamo esimerci nello stesso modo dal commentare il concerto del sassofonista elbano Jacopo Taddei e del fisarmonicista Samuele Telari, che si sono esibiti mercoledì 6 settembre al Bastione della Carciofaia, all'interno della fortezza medicea di Forte Falcone a Portoferraio, nell'ambito del Festival Elba Isola Musicale d'Europa.

I musicisti, intanto: in un contesto davvero particolare, senza un minimo di amplificazione, il sassofono di Jacopo Taddei e la fisarmonica di Samuele Telari hanno regalato ai fortunati spettatori una musica di altissimo livello, tecnico ed espressivo. Il bravissimo fisarmonicista, davvero di livello assoluto per padronanza dello strumento e del repertorio,  non ce ne vorrà se ci soffermiamo un attimo in più  sul "nostro" Jacopo, che ha alternato con classe e disinvoltura il sax contralto al soprano, in un repertorio che ha spaziato dal jazz al classico, alla musica sudamericana. Note di difficilissima esecuzione eseguite con naturalezza disarmante, sensibilità e classe non facili da trovare in un polistrumentista di soli 21 anni, fanno pensare per Jacopo Taddei ad una carriera luminosissima che lo attende, riempiendo chi scrive e chi lo ha ascoltato di un malcelato orgoglio elbano.

Quello stesso orgoglio riemerge parlando della location del concerto, a dir poco mirabile dal punto di vista paesaggistico, come le foto della galleria allegata a questo articolo posono dimostrare. Un'acustica ideale per una esecuzione  di musica d'ascolto, un pubblico educatissimo e un'atmosfera impareggiabile con la luce del tramonto che cambiava da un minuto all'altro. Una esperienza da ripetere e valorizzare ulteriormente, sia nell'ambito dell'Elba Festival che in altre situazioni simili che a questo punto vanno ricercate ed incentivate.

Fabio Cecchi
© Riproduzione riservata

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Cronaca