QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 12°18° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 novembre 2017

Attualità domenica 12 novembre 2017 ore 15:52

Dissalatore, perchè non credete ai nostri geologi?

Il Comitato : "Apprendiamo con dispiacere che non solo si farà il disslatore a Mola, ma ce ne sarà un secondo a Cavo. Ma all'Elba l'acqua c'è"

CAPOLIVERI — "Con dispiacere apprendiamo che, nonostante le proteste che si levano da più parti, il dissalatore si farà. Si viene a conoscenza che si sta ancora decidendo, se fare un secondo dissalatore gemello del primo o un’altra condotta, questa volta su Cavo, perché guardando una cartina geografica, qualcuno ha capito che la tratta è più breve. Questo ci fa capire in che mani siamo e con quale lungimiranza vengono programmati interventi di questa portata". 

Così il presidente del  comitato per la tutela di Mola e Lido -  No al dissalatore  Italo Sapere ha commentato questa nuova passo.

"Prendiamo atto della vostra buona fede nell’ideazione e progettazione di questo primo impianto, ma secondo noi è sbagliata l’idea di fondo: all’Elba l’acqua ce l’abbiamo, e tantissima, ma perché non vi fidate di quello che affermano i geologi del territorio? Perchè non dare loro credito? - hanno aggiunto - Siete in grado di dimostrare che quanto affermano i geologi non corrisponda a verità? Su che basi affermate che nel sottosuolo dell’Elba non c’è acqua a sufficienza? Ci risulta che non sia stato fatto un serio bilancio idrico all’isola".

Ce n'è di più. "Comprendiamo che gli ingegneri abbiano un approccio sul problema idrico diverso dai geologi, per i primi è più naturale l’idea di fabbricare l’acqua, estraendola dal mare, piuttosto che cercarla ed estrarla dal sottosuolo. Affermate con sicurezza che risolverete definitivamente il problema idrico dell’Elba, ma non è vero; la vita media di un dissalatore è 20/25 anni. Sicuramente non noi, ma i nostri figli si ritroveranno a ridiscutere su questo stesso problema, con in più un mare irreversibilmente inquinato dagli scarichi del concentrato salino e dalle sostanze chimiche usate per il lavaggio delle membrane, che per tutti questi anni avrete scaricato in un golfo chiuso come è il Golfo Stella".

Insomma, per il comitato l'emergenza idrica, che dura tra i 30 e i 40 giorni all'anno, non potranno essere risolte né con uno né con due dissalatori. "Per una soluzione definitiva che assicuri autonomia idrica all’Elba è necessario lavorare su diversi altri aspetti, prioritari rispetto ai dissalatori: azzeramento delle perdite; potenziamento dei serbatoi di accumulo; un serio bilancio idrico; studio che avrebbe dovuto fare da tempo Asa, e che risulta non aver ancora fatto, dopo 15 anni di gestione. - e hanno concluso - Però ci fa piacere sapere che sareste disponibili a recepire alcuni nostri suggerimenti, avevamo avuto l’impressione, che durante il primo incontro, le nostre idee fossero state liquidate con un compassionevole sorrisino di sufficienza".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Attualità

Attualità