QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 21°22° 
Domani 19°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 01 ottobre 2016

Cronaca sabato 09 gennaio 2016 ore 19:38

Famiglia intossicata, salvi grazie all'iperbarica

Una famiglia di La Pila è stata ricoverata con i sintomi dell'intossicazione da monossido di carbonio, trattati con la camera iperbarica

CAMPO NELL'ELBA — E' stato probabilmente un malfunzionamento della caldaia la causa dell'intossicazione da monossido di carbonio che ha colpito nella notte di ieri una famiglia di La Pila.

Madre, padre e i due figli residenti nella frazione campese sono stati infatti ricoverati questa mattina dopo essersi recati al pronto soccorso di Portoferraio accusando vomito e forti mal di testa. I medici del presidio ospedaliero hanno riscontrato livelli di carbossiemoglobina molto elevati e hanno disposto per tutti e quattro un primo trattamento nella camera iperbarica dell'ospedale.

Trattamento che verrà ripetuto nella mattina di domani dopo una notte in osservazione ma già in queste ore le condizioni generali della famiglia paiono molto migliorate.

"Se pure sono abbastanza rari i casi di questo tipo - commentano i sanitari che li hanno presi in cura - il pericolo è molto alto. Come è noto il monossido di carbonio è inodore e durante il sonno è facile perdere conoscenza. Il trattamento che stiamo somministrando che prevede l'uso della camera iperbarica viene definita come la respirazione di ossigeno al 100% in un ambiente con pressione superiore a 1,4 atmosfere. 

L’eliminazione della carbossiemoglobina avviene con il passare del tempo, la terapia con ossigeno iperbarico, infatti, alza la tensione di ossigeno nelle arterie e nei tessuti, promuovendo l’eliminazione del monossido di carbonio e aumentando la produzione di adenosintrifosfato, che riduce lo stress ossidativo e l’infiammazione".

Tag