QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 12°18° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 novembre 2017

Cultura sabato 07 giugno 2014 ore 10:11

Sanità Pubblica all'Elba al tempo dei Lorena

Portoferraio storica

Ecco la terza parte

ISOLA D'ELBA — Marcello Camici, prosegue con questa terza e ultima parte, il suo cammino nella storia dell'assistenza sanitaria all'Elba al tempo dei Lorena. Camici, estrapolando documenti dall'archivio storico comunale di Portoferraio ci spiega che cosa accadeva all'epoca sull'isola toscana in materia di sanità pubblica.

"Nel 1818 il debito che le quattro magistrature dell’Elba avevano accumulato nei confronti del Regio

Erario per l’assistenza dei malati civili ricoverati dentro l’ospedale militare di Portoferraio era pari a lire
28463.13.4
Un cifra enorme creatasi nel giro di tre anni e cioè da quando era stato soppresso l’ospedale degli infermi.
La clemenza di S.A.I. e R.,Ferdinando III Asburgo Lorena,venne a dipanare una situazione economica
difficile.
Così si svolsero i fatti.
Il 9 dicembre 1818 il Provveditore dell’I. e R. Ufficio dei Fossi di Pisa scrive al Cancelliere Comunitativo di
Portoferraio:
“Accompagno a V. Ecc.ma qui annessa in Copia una lettera direttami dall’I. e R. Depositeria nei 7
Dicembre corrente e con la quale mi vengono comunicate le Clementissime disposizioni con le quali è
piaciuto a S.A.I. e R. Nostro Signore di regolare e comporre il pagamento delle somme di cui per dependenza
della Spedalità somministrata dai loro individui dal Commissariato di Guerra di codesta isola sono Debitori
verso il Regio Erario.
Ella si affretterà a comunicarle alle Magistrature delle Comunità rispettive e procurerà che coerentemente
alle medesime sien regolate le assegnazioni che per tal oggetto debbono essere portate nei rispettivi
bilanci di previsione.Ella si affretterà pure in quanto occorra alla stima che per interesse della Comunità
di Portoferraio deve aver luogo dei diversi oggetti consegnati al Commissariato di Guerra nei 23 Agosto
1814,conforme è stato prescritto.
Di VS Ecc.ma . Pisa Dall’I. e R. Uffizio dei Fossi .9 dicembre 1818,dev.mo Sevr.re. G.Mecherini”
(Corrispondenza con Uffizio Fossi di Pisa dal 1817 al 1818.C65. Carta 472.ASCP)
Ed ecco la lettera di accompagnamento dove “vengono comunicate le Clementissime Disposizioni con le
quali è piaciuto a S.A.I e R. regolare e comporre il pagamento delle somme” relativo al debito accumulato
dalle comunità elbane nei confronti del Regio Erario “per dependenza della Spedalità somministrata dai
loro individui dal Commissariato di Guerra”
“Lettera scritta dal Direttore dei Conti dell’I. e R. Depositeria Generale al Provveditore dell’I.e R. Uffizio dei
Fossi di Pisa datato 7 dicembre 1818.
N° 2992
Ecc.mo Sig.Sig.Pron.Col.mo
In risoluzione della Rappresentanza di VS Ill.ma in data 11 novembre caduto relativamente al Debito che
le Comunità dell’Isola d’Elba tengono con la R. Depositeria per dependenza del trattamento dato dal 5
settembre 1815 a tutto dicembre 1817 ai Malati Paesani e Forestieri nello Spedale Militare di Portoferraio,è
piaciuto a S.A.I. e R. di ordinare quanto appresso
Che il debito della Comunità di Longone in lire 2215.6.6
Quello della Comunità di Marciana in 1197.18.4
E l’altro quello di Rio in 1026.2.3
Totale lire 4439.7.1
Venga composto in tre anni 1818,1819,18120 a forma del Rescritto de 6 Gennaio prossimo passato e che
le suddette Comunità oltre la rispettiva Rata della Composizione paghino nel 1819 la spedalità del 1818,nel
1820 la spedalità del 1819 e così nel seguito e dopo presentato il Conto del Commissariato di Guerra.
In quanto poi alla Comunità di Portoferraio il di cui Debito ammonta a lire 23161.9.8 ha la R.A.S.
comandato:
Che ferma stante la composizione nei tre anni 1818,1819 e 1820 a ragione di lire 7720.9.10 l’anno,la detta
Comunità paghi in quest’anno 1818 in affettivo contante lire 5596.5.3 e che la residual somma di Lire
2124.4.7 sia imputata nel valore dei mobili,biancheria consegnata nel 1814 allo Spedale Militare e che a
tale oggetto sia immediatamente fatta la Stima dei detti Mobili,Biancheria desunta dall’Inventario dei 23
Agosto 1814 e secondo il valore nello stesso giorno 23 Agosto 1814, se il prezzo sarà minore delle dette lire
2124.4.7 la Comunità paghi nel venturo anno 1819 la differenza e se sarà maggiore corrisponda quel meno
sopra la Rata di Composizione dell’anno stesso.La Spedalità poi del corrente anno 1818 dovrà essere pagata
nel 1819 dopo presentato il Conto del Commissariato di Guerra seguitando lo stesso sistema anche negli
anni avvenire..
Dev.mo. Ill.mo serv.re Giuseppe Marchi” (Corrispondenza con Uffizio Fossi di Pisa dal 1817 al 1818.C65.
Carta 473.ASCP)
La R.A.S. (La Reale Altezza Sua),Ferdinando III Asburgo Lorena,venne davvero incontro all’imponente
debito accumulato dalle comunità dell’Elba per l’assistenza dei malati civili nell’ospedale militare di
Portoferraio.
C’è da domandarsi perché queste “clementissime Disposizioni” e cioè perché”è piaciuto a S.A.I. e R. di
ordinare quanto appresso”.
A chi scrive piace pensare che Sua Altezza Imperiale e Reale ( S.A.i. e R.) abbia voluto così comporre la
questione avendo compreso le difficoltà cui erano andate incontro le comunità dell’Elba in seguito alla
chiusura dello Spedale degli Infermi soppresso con Motu proprio da lui emanato.
Marcello Camici
ASCP.Archivio storico comune Portoferraio"

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Attualità

Attualità