QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°27° 
Domani 24°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 24 agosto 2017

Politica sabato 30 luglio 2016 ore 17:54

Val di Denari, spunta la clausola anti danno

La consigliere Pellegrini denuncia il comportamento della giunta comunale sul caso Val di Denari: "Ancora una bugia da parte loro"

PORTOFERRAIO — "Ci siamo occupati spesso in consiglio comunale della strada di Val Di Denari, dei diritti dei membri del Consorzio Val di Denari di vedere tutelata la loro strada vicinale e il relativo ponticello sul quale, grazie ad una ordinanza illegittima del sindaco, sono stati autorizzati a transitare mezzi pesanti fino a 40 tonnellate e il diritto delle Cooperative assegnatarie del Peep di poter realizzare finalmente le case previste nel piano, con la possibilità di concretizzare immediatamente le opere di urbanizzazione e rendere l’area, oggetto di edificazioni, autonoma dal punto di vista dell’accesso. 

L’ultima volta nel consiglio del 14 aprile quando la nostra mozione finalizzata alla corretta attuazione del PEEP di Val di Denari, e alla tutela della strada vicinale, ebbe i voti favorevoli anche della maggioranza. Oggi all’albo pretorio del Comune esce una determina dell’architetto Parigi, dirigente di area, in cui si chiede ad altri soggetti, che devono edificare nella zona, forme di tutela economica per possibili danni che potrebbero derivare dal loro uso della stessa strada. 

Addirittura proponendo la sottoscrizione di un atto unilaterale d’obbligo che, fra le altre cose, autorizzi il Comune ad apporre nel permesso a costruire la clausola della potestà di diniego dell’agibilità/abitabilità delle strutture realizzate in assenza del rispetto dell’impegno che devono assumersi per le spese di manutenzione della strada. 

Si minaccia cioè di non dare l’agibilità. Ogni piano che si rispetti ha già nelle previsioni urbanistiche la realizzazione delle strade di accesso al medesimo, che fine hanno fatto quelle previsioni? Perché si torna ad utilizzare un passaggio che l’amministrazione si era impegnata a ricondurre nei normali usi? Abbiamo un’urbanistica con norme precise o che di volta in volta, quando non si sa come affrontare le situazioni complesse, la rendiamo adattabile ? Come l’amministrazione intende rispettare gli impegni che si è assunta in consiglio comunale verso il Consorzio Val di denari e la Cooperativa che deve realizzare il Peep? 

Tag