QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 18°24° 
Domani 22°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 settembre 2016

Attualità venerdì 12 febbraio 2016 ore 18:03

Riscoprire l'Elba a tavola

Confesercenti e PNAT organizzano dieci cene in altrettanti ristoranti dell'isola per riscoprire i sapori e le tradizioni culinarie dell'Elba

PORTOFERRAIO — Si chiama "Isola in Tavola" e, giunta alla seconda edizione, l'iniziativa di Confesercenti si arricchisce della partecipazione del Parco Nazionale Arcipelago Toscano e conferma quella con l'Accademia Italiana della Cucina.

Dieci cene, più un incontro finale, in altrettanti ristoranti elbani per premiare la filiera a chilometro zero, riscoprire le tradizioni culinarie elbane e gustare il patrimonio gastronomico dell'isola.

"E' un'iniziativa che premia i migliori ristoratori - commenta Franco De Simone, presidente di Confesercenti - che utilizzano i prodotti di stagione locali. Dieci occasioni conviviali nelle quali i produttori ci spiegheranno la filiera dei loro prodotti e i cuochi potranno raccontare il nostro territorio. E' anche un'opera di sensibilizzazione dei consumatori verso i prodotti stagionali".

Il primo appuntamento è per il 19 febbraio e poi, ogni venerdì, fino al 13 maggio giorno in cui verrà organizzata una tavola rotonda per analizzare il valore dell'iniziativa e raccogliere i commenti dei partecipanti e dei produttori. Il menù di ogni serata verrà pubblicato il lunedì antecedente al cena sulla pagina Facebook dedicata.

"Dall'alleanza fra enti diversi può nascere la valorizzazione del territorio - interviene Franca Zanichelli, direttore del Parco - nel depliant che abbiamo creato e che diffonderemo nelle nostre iniziative ci sono quattro ricette studiate dallo chef Alvaro Claudi, una per ogni stagione. Questa iniziativa si inserisce nel percorso della CETS (Carta europea del turismo sostenibile) che il Parco sta portando avanti, nella Casa del Parco infatti mettiamo a disposizione i semi delle piante locali perchè possano essere studiati!.

Rossana Galletti, esponente dell'Accademia Italiana della Cucina: "Torniamo volentieri a quest'esperienza, per noi è importante conoscere le aziende produttrici del territorio e promuovere la stagionalità. Penso sia un aspetto importante da promuovere ai turisti per alimentare il turismo gastronomico che può svilupparsi molto all'Elba".

Per i ristoratori che partecipano ci sarà un riconoscimento che potranno pubblicizzare nelle loro campagne promozionali. Le cene hanno un costo di 30 euro a persona e si possono prenotare direttamente contattando il ristorante.

I locali scelti sono: Peccati Divini, Lido, Il Mambo, Malatempora, Il Retrogusto, Montefabbrello, Villa Rita, La Lampara, Caponord, Emanuel e Sapereta.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag